In ascolto tramite Spotify In ascolto tramite YouTube
Passa al video di YouTube

Caricamento del lettore...

Esegui lo scrobbling da Spotify?

Collega il tuo account Spotify a quello di Last.fm ed esegui lo scrobbling di tutto quello che ascolti, da qualsiasi app di Spotify su qualsiasi dispositivo o piattaforma.

Collega a Spotify

Elimina

È disponibile una nuova versione di Last.fm, per assicurarti un funzionamento ottimale ricarica il sito.

Wiki

Hot Space è un album della -band britannica Queen, pubblicato per la prima volta in LP nel 1982.

L’album segnò un forte distacco dai lavori precedenti della band, caratterizzati da un certa ecletticità nell’adesione alle diverse subcorrenti del filone (passando da sonorità , come in «Stone Cold Crazy», o operistiche come in «Bohemian Rhapsody» spostandosi da caratteri stilistici piú vicini ai Beatles o sposando il di Elvis Presley, come in «Crazy Little Thing Called Love»).

Dopo l’enorme successo ottenuto col singolo «Another One Bites the Dust», contenuto nell’album precedente The Game e caratterizzato da una chiara influenza d'ispirazione e dall'uso di sintetizzatori (che fino al quel momento erano stati evitati dai componenti della band in quanto, sostenevano, fossero strumenti che ancora non avevano trovato un’“anima”) i Queen produssero un album nel quale, in molti brani, si sentirono riproposte e sviluppate la suddetta influenza (stavolta dichiaratamente ) e, piú generalmente, alcune delle sonorità che avevano caratterizzato parte dell’album precedente. Questo esperimento non entusiasmò molti dei fans della band (già lo stesso album The Game aveva suscitato alcune perplessità a causa del sintetizzatore pur avendo avuto un buon apprezzamento, sia di critica, sia di pubblico) facendo sí che l’album Hot Space ottenesse un minore successo di vendita rispetto ai precedenti.

Non mancarono, in ogni caso, alcuni brani di grande successo, primo fra tutti «Under Pressure», nato durante una jam session con David Bowie, seguíto da «Las Palabras de Amor», che fu scelta dal gruppo per una delle sue rare apparizioni a Top of the Pops; importante anche la canzone «Life Is Real», dedicata alla memoria di John Lennon, scomparso due anni prima, l’8 dicembre 1980.

Oggi, la maggior parte della critica sostiene che in realtà l’album non fu capito perché in anticipo sulle sonorità del mercato musicale e che alcune canzoni, come «Body Language» e «Back Chat» (per le quali sono stati girati dei video, a detta degli stessi componenti della band, scarsi, poco curati sotto molti aspetti e raramente trasmessi), oggi sarebbero singoli di successo nelle classifiche o addirittura brani di nicchia per intenditore.

Modifica questa wiki

Non vuoi vedere annunci? Abbonati ora

API Calls