In ascolto tramite Spotify In ascolto tramite YouTube
Passa al video di YouTube

Caricamento del lettore...

Esegui lo scrobbling da Spotify?

Collega il tuo account Spotify a quello di Last.fm ed esegui lo scrobbling di tutto quello che ascolti, da qualsiasi app di Spotify su qualsiasi dispositivo o piattaforma.

Collega a Spotify

Elimina
Elimina

As your browser speaks English, would you like to change your language to English? Or see other languages.

È disponibile una nuova versione di Last.fm, per assicurarti un funzionamento ottimale ricarica il sito.

Wiki

  • Data di pubblicazione

    27 Giugno 1984

  • Durata

    8 brani

Ride the Lightning è il secondo album in studio dei Metallica, pubblicato nel 1984.

Si tratta del primo disco inciso dal gruppo con il produttore Flemming Rasmussen per la Elektra Records.

Seppur ancora immaturo rispetto al successivo Master of Puppets, Ride the Lightning mette in evidenza i tratti fondamentali di quello che sarà lo stile che renderà celebre il gruppo: forte senso della melodia unito ad un possente riffing Thrash Metal.

Importante è anche il passaggio del gruppo dalle tipiche tematiche Metal di Kill'em All ad altre più mature e politiche. Vari sono gli argomenti trattati fra cui la pena di morte (Ride the Lightning), il suicidio (Fade to Black), esperimenti scientifici (Trapped Under Ice), piaghe bibliche (Creeping Death) ed avventure letterarie (For Whom the Bell Tolls), tematiche decisamente anomale per un gruppo Thrash Metal dell'epoca.

Ride the Lightning è anche l'ultimo album in cui compare Dave Mustaine fra i crediti delle canzoni dopo essere stato cacciato dai Metallica. Il nome del rosso chitarrista appare infatti sia nella title-track che nella lunga strumentale finale The Call of Ktulu, brano ispirato al famoso ciclo letterario dello statunitense Howard Phillips Lovecraft (1890-1937), da molti considerato il maggiore esponente del genere horror di inizio '900.

Ride the Lightning segna anche l'inizio di un'ideale "schema" con cui i Metallica organizzarono le tracklist dei loro due album successivi Master of Puppets ed …And Justice For All. Si nota infatti come la prima traccia sia solitamente aperta da una breve introduzione e che poi risulti anche essere la più violenta dell'intero album (Fight fire with fire, Battery e Blackened). Stesso dicasi per la title-track, generalmente posizionata come traccia numero 2, e per la quarta traccia in cui l'acusticità la fa da padrone (Fade to Black, Welcome Home (Sanitarium) e One).

Modifica questa wiki

Non vuoi vedere annunci? Effettua l'upgrade

Album simili

In evidenza

API Calls