In ascolto tramite Spotify In ascolto tramite YouTube
Passa al video di YouTube

Caricamento del lettore...

Esegui lo scrobbling da Spotify?

Collega il tuo account Spotify a quello di Last.fm ed esegui lo scrobbling di tutto quello che ascolti, da qualsiasi app di Spotify su qualsiasi dispositivo o piattaforma.

Collega a Spotify

Elimina

È disponibile una nuova versione di Last.fm, per assicurarti un funzionamento ottimale ricarica il sito.

Wiki

Vespertine è il quarto album della cantautrice islandese Björk (il quinto, contando anche l'omonimo album solista del 1977).

Vespertine è un album, a detta della stessa Björk, molto più intimo dei lavori precedenti, che trae ispirazione dalla sua relazione con l'artista Matthew Barney, da cui la presenza di diverse tracce con testi dal contenuto sessuale più o meno esplicito, come Cocoon o Pagan Poetry. È sempre l'amore il tema di Hidden Place, che canta di come due persone possano "creare un paradiso, tramite la loro unione", mentre in Aurora Björk si rivolge alla "dea Natura", pregando di poter diventare tutt'uno con le luci del nord. Nell'album è anche presente un omaggio a E.E. Cummings, attraverso il brano Sun In My Mouth, che contiene parte del testo della sua poesia Impressions.

Viene fatto un largo uso di cori e carillon, oltre al solito grande numero di campionature, questa volta a cura del musicista Matthew Herbert e del duo di musica elettronica Matmos. Oltre agli archi, già molto usati in Homogenic, si fa un grande utilizzo dell'arpa, suonata dalla musicista Zeena Parkins.

Da Vespertine sono stati estratti tre singoli, accompagnati da videoclip particolari che non sempre hanno giovato alla promozione dell'album. Il videoclip di Pagan Poetry, in cui una Björk seminuda infila nella pelle numerose spille e perline, è stato censurato su alcune reti, ad esempio MTV; stessa cosa è accaduta al videoclip di Cocoon, in cui Björk si avvolge in un bozzolo creato da fili rossi che le fuoriescono dai capezzoli. Il videoclip di Hidden Place invece è girato interamente da una camera fissa sul volto della cantante, su cui fluidi colorati entrano ed escono dagli orifizi (rappresentazione dei meccanismi che regolano il pensiero).

Sulla copertina del disco, Björk è ritratta con il celebre abito cigno indossato durante la 73ª edizione della cerimonia di premiazione degli Oscar il 25 marzo 2001, realizzato da Marjan Pejoski.

Modifica questa wiki

Non vuoi vedere annunci? Abbonati ora

API Calls