In ascolto tramite Spotify In ascolto tramite YouTube
Passa al video di YouTube

Caricamento del lettore...

Esegui lo scrobbling da Spotify?

Collega il tuo account Spotify a quello di Last.fm ed esegui lo scrobbling di tutto quello che ascolti, da qualsiasi app di Spotify su qualsiasi dispositivo o piattaforma.

Collega a Spotify

Elimina

È disponibile una nuova versione di Last.fm, per assicurarti un funzionamento ottimale ricarica il sito.

Data

Mercoledì 23 Luglio 2008 alle 21:30

Località

Buenaonda
Rimini, Italy

Visualizza mappa

SeatGeek

Descrizione

mercoledì 23 luglio 2008
@20:00 DJ MADI (funk-soul & pop!)
21:00-22:00 HAPPY HOUR con MOJITO a 4 euro!
@21:30 DAMIEN* live! + SYBIANN live! (indie powerpop rock)
@22:30 DJ LAPPA + STEREO:FONICA DJ SESSION (indie electro pop rock!)

PISCINA ad accesso libero!

Respiro. Baci. Dentro questo "Mart/Art" c'è tutto il rock che deve suonare "leggero" da qualche anno ad oggi, né più né meno. Melodie che si appigliano in pochi nanosecondi e si schiodano solo molto dopo. Midollo post-punk e cuore british, quello col solito, famoso, charleston in levare. Facile fare scontate illazioni sulla deriva modaiola del l'indie-rock nostrano che eleva a modello il suono dei coetanei inglesi; eppure, ancora una volta siamo costretti a stupirci di fronte a episodi effervescenti e di semplice quanto immediata presa come "Mart/Art". Non solo righine orizzontali e montature fluorescenti, frangette e derivati cheap-chic. Orpelleria varia che spesso offusca il reale (e dubbio) valore di tanti pretendenti ai 15 minuti di indie-celebrità. La realtà è che i Damien*, dopo tre pubblicazioni divise fra quattro-piste nel garage di casa e sbattimenti auto-finanziati, si ritrovano con le idee giuste per osare qualcosa di più: scrivono una manciata di hits da levarsi il cappello. La struttura sonica del trio rimane sostanzialmente immutata nello stile sbilenco e dolcemente-ingenuamente crudo. Affiora quella delicatezza indie-pop un po' ruffiana, di chi il pop lo strattona e lo rilava prima di indossarlo. Il non fregarsi dell'urletto stonato quando a vibrare sul pavimento sono il cuore e la creatività dei vent'anni compiuti con gli strumenti in mano. Scegliete voi da quali emozioni farvi dominare, perché l'album è anche un ruvido contenitore (in)differenziato di chitarrine twangy diluite da sincopi tremende alla Red Worms' Farm. "Hollow Bodies, Sir", non ha niente fuori posto. Certo, gli Arctic Monkeys (ma chi non li cita?). Se certe schitarrate sbarazzine ("Backbone & Trapdoors") ricordano anche i recenti Bikini The Cat, è pur vero che i tre si muovono con disinvoltura dai momenti (disco) garage post anni novanta alle ballate da cameretta zuccherata ("Bunburying" e "'80's Toons"). Ma di certo non sono l'ultima controfigura dei Canadians, anzi. 30 minuti e sgoccioli d'urgenza che filano via come una biciclettata primaverile alle sei di pomeriggio; da godere in fretta, subito.

da http://www.rockit.it

Lineup (3)

Non vuoi vedere annunci? Abbonati ora

4 partecipanti

Non vuoi vedere annunci? Abbonati ora

API Calls