Playing via Spotify Playing via YouTube
Skip to YouTube video

Loading player…

Scrobble from Spotify?

Connect your Spotify account to your Last.fm account and scrobble everything you listen to, from any Spotify app on any device or platform.

Connect to Spotify

Dismiss

A new version of Last.fm is available, to keep everything running smoothly, please reload the site.

Lyrics

Uochi Toki, Idioti, La Tempesta Dischi 2012.
3 stelline su 5."

Esistono 4 tipi di recensione di questo disco;

Lyrics continue below...

Don't want to see ads? Upgrade Now

La prima:
Lo slancio di entusiasmo
Sensazionalista con sbilanciatissime espressioni tipo:
Questo disco è il disco della vita."
Un genialità indiscussa."
Sicuramente la miglior musica prodotta negli ultimi tot anni."

La seconda:
Il gomitolo di aspettative ed
Insoddisfazione farcito di cultura per la somiglianza.
Con espressioni esperte come:
Questo disco non aggiunge nulla di nuovo a quanto già detto."
Una cifra stilistica che era innovativa un tempo ma che adesso annoia.
Dalle casse del mio laptop riesco a capire
Che ormai si tratta sempre degli stessi suoni.
Già dal primo ascolto si capisce che questo disco mi ricorda."

La terza:
La promozione meccanica con l'ausilio di informazioni
Reperite in rete, con espressioni enciclopediche tipo:
È il terzo disco di questo duo che
Gravita nei dintorni di Alessandria.
Non si può certo dire molto dato che il comunicato stampa è un jpeg
Che non spiega il disco,
Ma siamo sicuri che questa uscita per Tempesta avrà
Tutte le carte in regola per spiazzare, far riflettere."

La quarta:
Il concorso di poesia sotto forma di
Recensione con figure retoriche tipo:
I miei neuroni si distaccano."
Sento la gente attorno a me pensare."
Mi trovo con le cuffie sparate a mille alla fermata del mezzo
Pubblico che mi trascina sul mio percorso pendolare e penso."

Ed eccoci qui, tutti assieme: scrittori di articoli,
Oggi siete voi quel nodo a cui la lingua arriva e si
Dipana, anche se l'oggi non è un riferimento condiviso.
Quello che non riuscite ad afferrare è quanto il toccare
Strati alti o profondi porti lontano dalla comunicazione.
Quello che non riesco ad afferrare io è come di fronte alla visione
Dei nuclei ed esosfere qualcuno possa preferire questo
Colloso spiaccichio identitario che non permette né volo né fusione.
Proprio non capisco.
Sono io lo stupido che non ci arriva mai,
Sono solo io a non sentire gravità da sotto ai piedi ma anche da
Altri corpi celesti e pianeti,
Ho amici sconosciuti che fanno impallidire per l'intensa qualità
Della loro attenzione, la profondità del loro ascolto e ricezione.
È l'empatia, altro che recensione, scadenze, editoria.
Ci sono ascoltatori che senza complimenti ci rivolgono domande
Dirette e ci rivoltano come calzini,
O come un beccaio che rivolta gli intestini, altro che interviste.
L'unico motivo per cui insisto nella mia idiozia è che di persone che
Sovra-capiscono ne ho viste ed esistono,
E sono queste le lettere, questa è la lingua, ed è questa la sfida.
Dai, fateci vedere che il vostro scrivere non è solo promozione,
Rivalsa, od un banale stare a galla in 500 battute non pagate:
In palio c'è la visione dell'intensità della
Lingua, non la nostra ridicola approvazione.

Writer(s): Matteo Palma, Riccardo Gamondi

Don't want to see ads? Upgrade Now

Similar Tracks

Features

API Calls