Playing via Spotify Playing via YouTube
Skip to YouTube video

Loading player…

Scrobble from Spotify?

Connect your Spotify account to your Last.fm account and scrobble everything you listen to, from any Spotify app on any device or platform.

Connect to Spotify

Dismiss

A new version of Last.fm is available, to keep everything running smoothly, please reload the site.

Pensieri strani - Lyrics

Questa è la storia di chi viene
La storia di chi viene va
E la storia di chi viene bene
Di chi viene bene in foto mai
In testa un demone
Che va qua e là
E non può legarlo con delle catene
Perché certe cose non conviene no
Non conviene raccontarle mai
Non conviene prenderle per vere
Non conviene confondere
Quello che pensi tutti i giorni
Con quello che fai
Hey
Hai mai visto
Un uomo piangere
Eppure un giorno di festa
Eppure un giorno di festa
Eppure un giorno di festa
Partiva a piedi scalzi
Faceva metri anzi
Perdeva dietro strada
Tirando sempre avanti
C'aveva sguardi attorno
Fantasmi a bordo
Sputava sangue e ghiaia sui passanti
Solitudine ed ordine nella testa
Tempesta nel cuore confessa
Hai visto mai un uomo piangere tristezza
Nel suo giorno di festa

Cori nella testa litania
Fiori per la messa e così sia
Scappo dalla festa cara mia
Mani in tasca faccia a terra e vado via

Quali sono i tuoi pensieri io
Penso a cose che non vedi io
La notte svela i suoi segreti
E so che non ci credi

Quanta gente che conosci
Fa pensieri strani
Ma non parla mai dei suo pensieri strani
Non puoi immaginare quei pensieri strani
Se non hai mai fatto dei pensieri strani
Quanta gente che conosci solo in superficie
Galleggia dentro abissi pieni di vernice
Quanta gente giudichi senza sapere
Quanta gente prova cosa che non puoi sapere
Na na na na na na
Pensieri strani
Na na na na na na
Pensieri strani
Hey
Hai mai visto
Un uomo piangere
Eppure un giorno di festa
Eppure un giorno di festa
Eppure un giorno di festa
Oddio sembra uno dei tanti
Si mimetizzata in mezzo agli altri branchi
Lo vedevi sempre in mostra
Pieno di ideali
Li inseguiva come schiavi
In cerca di diamanti
Puri come l'aria
Sopra i monti tibetani
Poi l'interferenze
le strane preferenze
Sai le prime
già dai tempi preadolescenziali
In lotta perenne convulsioni varie
Quanto costa fare i conti
Con i propri mali
Quanto costa fingere
Tutto per sempre da sempre
Per non essere chi non si vuole
Essere o non essere
Malessere interiore
Cervello distinto
In netta contrapposizione ma
Il primo non si diede mai per vinto
Per questo motivo
Decise di non rovinare vite
La sua perversione rimase un istinto
Represso di continuo
Che nessuno mai negli anni vide
Noi che siamo nati da pensieri strani
Ora ci cresciamo coi pensieri strani
Siamo succubi schiavi di pensieri strani
Siamo agli ultimi piani
Siamo tutti figli di pensieri strani
Dammi dei consigli sui pensieri strani
Cosa posso farci se non c'è domani
Naufraghiamo in questo mare di pensieri strani
Quali sono i tuoi pensieri io
Penso a cose che non vedi io
La notte svela i suoi segreti
E so che non ci credi

Cori nella testa litania
Fiori per la messa e così sia
Scappo dalla festa cara mia
Mani in tasca faccia a terra e vado via

The End

Don't want to see ads? Subscribe now

API Calls