Playing via Spotify Playing via YouTube
Skip to YouTube video

Loading player…

Scrobble from Spotify?

Connect your Spotify account to your Last.fm account and scrobble everything you listen to, from any Spotify app on any device or platform.

Connect to Spotify

Dismiss

A new version of Last.fm is available, to keep everything running smoothly, please reload the site.

Lettera a Stefan Zweig - Lyrics

Signor Zweig, su di noi
Stan volando avvoltoi
D'ora in poi siamo ebrei
Mi sorprende che lei
Creda ancora ci sia
Qui all'inferno una via
Di speranza e pietà
Apra gli occhi e vedrà
Peste nel cuore dei popoli
Popoli come trofei
E un bene che rende complici
Dei fottuti maiali del Reich

Signor Zweig, gli Europei
Non faranno gli eroi
Hanno cari i granai
Non si immischiano mai
Fanno affari con chi
Ci tormenta così
Non c'è un cazzo di idea
Conta l'argenteria
Sfilano bande di demoni
Iene affamate d'oblio
Un imbianchino ha le redini
Ma qui tutti lo chiamano Dio

L'uomo è una belva
Mangia merda
Non si salva
Voglio una guerra
Che distrugga
L'industria del Sieg Heil

Bo bo bo bo, bo bo

Ho visto il Male, si chiama Nazione
Divora i giusti, la feccia al potere
Cancella gesti, millenni e parole
In una notte sola

Vanno in frantumi cristalli e preghiere
Ancora un po' e non c'è niente da bere
Umanità senza umanità

Signor Zweig, non è a Est
Il rifugio per me
Proletari in corteo
Il più astuto è un babbeo
Porci burattinai
Burattini operai
Brucia già l'Aldilà
E il burocrate è Zar
Credo soltanto ai miracoli
Ma non ne accadono più
Per il disgusto degli angeli
Perché non c'è una luce quaggiù

L'uomo è una belva
Mangia merda
Non si salva
Sopra la Terra
Regna eterna
L'ombra dei macellai

Sopra la Terra regna eterna
L'ombra dei macellai
L'industria del Sieg Heil
Stia con me, Signor Zweig

Writer(s): giancarlo di maria, mattia andreoli

Don't want to see ads? Subscribe now

API Calls