Playing via Spotify Playing via YouTube
Skip to YouTube video

Loading player…

Scrobble from Spotify?

Connect your Spotify account to your Last.fm account and scrobble everything you listen to, from any Spotify app on any device or platform.

Connect to Spotify

Dismiss

A new version of Last.fm is available, to keep everything running smoothly, please reload the site.

Lyrics

All'inizio non c'era Nord e non c'era Sud
Non avevo idea delle differenze tra un paese ed una metropoli
Non sapevo da dove arrivassero
Le voci dei cantanti che uscivano dallo stereo
E quell'ignoranza non mi dava pena.
Dal mio punto di vista era tutto sotto controllo:
Il sole sorgeva ogni giorno
Latte e biscotti non mancavano
E la classificazione dei luoghi era già in atto.
Tanto per cominciare, ne esistevano di tre specie:
Casa,
I posti sicuri
E l'altrove.
L'altrove era qualcosa che mi turbava:
Circondava la mia città in ogni direzione,
Affascinante e misterioso.
Qualcuno diceva che là fuori
Abitavano solo i cattivi e le bestie selvagge,
Ma io non ci credevo.
Dio salvi Bologna,
Dio salvi Bologna!
Dio salvi Bologna,
Dio salvi Bologna!
Nelle date solenni,
Inquadrati sul terreno da calcio della scuola,
Porgevamo il nostro saluto ai vecchi partigiani
Che arrivavano in visita coi fazzoletti rossi al collo
E i gagliardini delle brigate Garibaldi.
Intonavamo per loro, che da ragazzi erano stati eroi
come e Capitan Harock,
Però in carne ed ossa:
Questa mattina mi son svegliato
O Avanti popolo, alla riscossa!
Saremmo stati increduli se ci avessero svelato
Che in altre scuole d'Italia non si rendeva omaggio alla Resistenza:
Quale maestra senza cuore
Avrebbe potuto trascurare
L'anniversario della Liberazione e della Strage di Marzabotto?
Erano forse amiche di Hitler queste maestre queste maestre indegne?
Dei repubblichini e delle SS dagli occhi di ghiaccio?
Che mostrassero il muso da noi, a Bologna, se avevano il coraggio!
Dio salvi Bologna,
Dio salvi Bologna!
Dio salvi Bologna,
Dio salvi Bologna!
Siamo i figli della Bologna anni '80:
Ex libero comune,
Ex città del Papa,
Dal '45 molto rossa e molto occidentale;
Basket city,
Rock city,
Droga city.
Macchine nuove tirate a lucido per le strade,
Davanti alle vetrine il passeggio delle famiglie
Incrocia le ultime manifestazioni della vitalità studentesca
E l'andirivieni di tossici che ti fanno:
"Oi vecchio, ce le hai cento lire?
È che devo andare in treno a Modena,
E un tipaccio mi ha fatto su il portafogli."
I vecchi, quelli veri, siedono in sezione a ricordare la guerra
Quando mancava ogni cosa e si dava la caccia persino ai gatti,
Mentre adesso i negozi sembrano stracolmi
Di ogni prodotto di marca disponibile ad Ovest della Cortina di Ferro.
Provateci voi a crescere nella città perfetta,
Fra i comunisti in Mercedes
E i punk, fermi davanti al Disco d'Oro,
Lo stile da odiare dei paninari
E diecimila ragazze nuove che arrivano in città ogni anno
All'università.
Dio salvi Bologna,
Dio salvi Bologna!
Dio salvi Bologna,
Dio salvi Bologna!
Dio
Salvi...
Provateci voi a crescere in una città perfetta!
Dio
Salvi...
Tra i comunisti in mercedes
E i punk, fermi davanti al Disco d'Oro.
Dio
Salvi...
Sì, provateci voi a crescere nella città più libera del mondo!
Dio
Salvi...
Con diecimila ragazze nuove
Che arrivano ogni anno
Per studiare.

Writer(s): ANDREA INSULLA, GIUSEPPE GUERRA, ENRICO BRIZZI, ANTONIO FARINELLI

Don't want to see ads? Subscribe now

Features

API Calls