Playing via Spotify Playing via YouTube
Skip to YouTube video

Loading player…

Scrobble from Spotify?

Connect your Spotify account to your Last.fm account and scrobble everything you listen to, from any Spotify app on any device or platform.

Connect to Spotify

Dismiss

A new version of Last.fm is available, to keep everything running smoothly, please reload the site.

Lyrics

M'è rimasta mezza tacca
Ti diranno sempre scappa

Sto su na brandina (ciao!)
Bianco cadaverico
In testa ho il mito ellenico
Di me guerriero intrepido
Ma dando fiducia a un anestetico
Mo paro un paraplegico
Patetico ed inerme dopo un pianto isterico
La penna va, leggiarda
Scrivi che qualsiasi cosa accada
Salta la staccionata
Che separa la tua sana voglia di dire "è andata"
Da ogni altra puttanata
La vita va gustata (Seh!)
Diceva qualcheduno
Storia mai ascoltata (No!)
Li mandavo affanculo
La vita è una regata e no non si sta mai al sicuro
Ma tanto vale remare
Non serve chiedere aiuto
Perso fra le onde un po Caronte un po' Odisseo
Io come una donna dentro un gineceo
Oppresso dalle luci al neon
La mia mente è lo scienziato pazzo che mi esamina
Mi carica di pesi
E poi distrugge ciò che creo
Cretino defi-ciente
Taglia corto, cazzo cresci
So che riesci a chiuder tutti fuori
Ma da solo non ne esci
siamo noi fessi, quelli del "ci credo ancora"
Quelli del "va tutto bene, stiamo insieme ora"
vederti ci addolora Non sei più lo stesso
Io che mi ricordo un Vittorio diverso
Ad osservare un cielo terso
Proprio quel cielo che adesso sta ricoperto di sterco
Nel marcio di un gabinetto
In un'edificio dismesso

Lyrics continue below...

Don't want to see ads? Subscribe now

Mi è rimasta mezza tacca
Le mie gambe cedono
Diventare grande è una mazza nel petto
Se non sei protetto
Sei un feretro
Ti diranno sempre scappa
Qua non c'è del tenero
Tengo bene a mente
Che controcorrente
Fa freddo per questo io accellero

Cosa fare dopo?
Cosa ho fatto prima?
Siamo al primo step di risultati
Si traccia una riga
Dietro lascio un piatto sempre pronto
E imbocco la salita
Avanti, controvento anche se manco d'autostima
Con una matita
Racconto la mia fatica
Sono un Ercole in versione deperita
Nato in differita
Distaccato dal reale
Perché porta male
Come il dover accettare che si, è finita
Tempo di farsi da parte
E farcela con le mie gambe
Pieno di domande ma costante
Ce la vivevano in due, come sopra un tandem
Oggi ognuno per le sue
Ed è tutto cosi pesante
Ed è frutto delle mie istanze
Ed è ingiusto chieder di più
Perché è brutto darsi le spalle
Ma è peggio buttarsi giù
Uno contro l'altro come Banner contro Hulk
Un attrito potentissimo, un fallito rendez-vous
Trascinati da una gru di "non fa male", "si può fare"
Basta coi cartoons, cambia canale, devi maturare
Piatti da lavare, sgomitare per un posto nostro
Un posto a posto
Dove sorridere è legale
Segui la mia scia
Lascia il cuscino e fuggi via
Sali sulla funivia dell'ambizione
Affronta la foschia
CRESCERE NON È RINUNCIARE ALLA MAGIA,
MA È SAPER RENDERLA SEMPLICE ANCHE QUANDO È UN' UTOPIA

Mi è rimasta mezza tacca
Le mie gambe cedono
Diventare grande è una mazza nel
petto se non sei protetto sei un feretro
Ti diranno sempre scappa
Qua non c'è del tenero
Tengo bene a mente che
controcorrente fa freddo per questo io accellero

(Per questo io accellero, accellero, accellero, accellero
Per questo io accellero sempre di più.)

Don't want to see ads? Subscribe now

Features

API Calls