Playing via Spotify Playing via YouTube
Skip to YouTube video

Loading player…

Scrobble from Spotify?

Connect your Spotify account to your Last.fm account and scrobble everything you listen to, from any Spotify app on any device or platform.

Connect to Spotify

Dismiss

A new version of Last.fm is available, to keep everything running smoothly, please reload the site.

Inno alla libertà - Lyrics

Questo è un inno a chi non ci stà, un
A chiamata alle armi rivolta a quelle persone che vedono i loro
Pensieri nascere in cattività e vogliono
Fermare l'avanzata di questa vita che va.
Già, lei va e ogni metro che fa ci leva qualche vecchio sogno
Dalle tasche e ci mette qualche nuova responsabilità sulle spalle.
È un inno per chi si è rotto le palle di avere 1000
Compromessi da accettare,
Di dover dire sissignore oppure scusami amore.
Di avere sempre qualcosa da aggiustare o qualcuno che ti
Fa paranoie perché non puoi più fare quello che ti pare.
E vogliamo parlare delle frasi di circostanza tipo tutto
Cambia ma è normale, il tempo passa e non lo puoi fermare e tu.
Tu tu…tu …devi maturare…il problema è che se
Maturi troppo, ricordatelo, dopo sei da buttare!
È un inno all'amore,
All'amarsi e all'amare ma non in maniera clandestina.
Alla luce del sole!
Essere sposati e amanti di se stessi!
E non solo madri, padri o figli che si sforzano di essere perfetti.
Questo è un inno a essere anche egoisti.
A prendere una pausa da quello che siamo per non trovarsi un bel
Giorno con in bocca un amo…perché è facile abboccare alla promessa di
Un domani migliore ma chi ci pensa
A quest'oggi che deve ancora finire?
È un inno per chi non ha mai capito in particolare questa frase:
"una volta eri diverso" abbinata a "devi
Crescere e svelto!!"e tu sei lì lì dire per dire "oh!!
Mettiti d'accordo.
O uno o l'altro" quando arriva la classica "tu non mi hai mai capito"
È perciò invito a cambiare vestito!
Toglietevi i panni che gli altri vi hanno cucito addosso.
Siate come san francesco, solamente un po' più incazzato.
Sti vestiti invece di ridarli indietro.
Dateci fuoco!
È un inno a favore del non omologato,
Del socialmente non accettato del "toh!
Guarda il drogato"…perché quello che voi con disprezzo chiamate
Depresso è invece un tizio che ha capito che sotto
Questo cielo c'è qualcosa che non va direbbe vasco.
Mica come voi che state 3 metri sopra e non capite un cazzo!
È per quelli che semplicemente vogliono
Tutto e poco importa se subito o dopo.
Tanto non saremo mai ne troppo
Giovani ne troppo vecchi per prendercelo.
Cosa?
Il mondo!
È per te che hai stampato nel cuore e nel
Petto un motto: "io fondamentalmente me ne fotto".
Ed è pure un inno al superfluo.
Perché dello stretto necessario non m'accontento.
Io la vita mica l'assaggio.
La mangio!
Mica la sorseggio.
La bevo.
In maniera orgogliosamente non resposabile.
Sono sincero!
E se nella notte mi trovi che guardo il cielo a bocca
Aperta è solo perché aspetto impaziente qualche altra goccia.
E per finire no non è un inno da cantare…ma da capire!.
Ti avrà fatto anche ridere ma è un po' come nei film di verdone.
Arriva il finale e senti una nota d'amarezza prenderti il cuore…
C'è una soluzione?
Si spezza le catene!!
E se ti senti morire dentro guardati allo specchio.
Ricordi?
Una volta c'era un sorriso su quel volto.
Quel che ti serve è uno scopo e una frase da imparare
Per bene: mai scendere a patti con il proprio dolore.
Lascialo sfogare, lascialo gridare, lascialo picchiare.
Ma poi lascialo anche morire.
Sono così sarai di nuovo libero di sognare.
Perché questo è un inno alla libertà.
Qui vige una sola regola.
"il se mi va"…e c'è un solo dittatore peter pan.

Don't want to see ads? Subscribe now

API Calls