In ascolto tramite Spotify In ascolto tramite YouTube
Passa al video di YouTube

Caricamento del lettore...

Esegui lo scrobbling da Spotify?

Collega il tuo account Spotify a quello di Last.fm ed esegui lo scrobbling di tutto quello che ascolti, da qualsiasi app di Spotify su qualsiasi dispositivo o piattaforma.

Collega a Spotify

Elimina
Elimina

As your browser speaks English, would you like to change your language to English? Or see other languages.

È disponibile una nuova versione di Last.fm, per assicurarti un funzionamento ottimale ricarica il sito.

Biografia

Gli Statale 66 (noti per le versioni beat/rock di colonne sonore interpretate al programma Stracult sul canale di stato Rai 2) nascono dalla sottocultura rock romana inizio 2000.
il loro sound mescola le complesse armonie vocali dei gruppi 60’s come i Beach boys, The Zombies, The Beatles con un approccio strumentale più surf e garage, contaminato dal primo Rock’n’roll e Surf (Chuck Berry, Dick Dale), il Chicago Blues (Little Walter, Muddy Waters), il tutto condito da delle tematiche e da un’estetica proto-punk metropolitana alla Velvet Underground.
In oltre gli Statale 66 vengono fortemente influenzati dai compositori di colonne sonore italiane anni 70 (Ennio Morricone, Guido e Maurizio De Angelis, Luis Bacalov, Fabio Frizzi, Goblin, Oliver Onions) con cui jammano a live in trasmissione televisiva.
I 2 fratelli Alessandro Meozzi e Giulia Meozzi con Mary di Tommaso parallelamente alle band internazionali degli anni 2000 (The White Stripes, The Black Keys, the Jet, i Blur, The Strokes) si sono inseriti in Italia tra i portatori del revival della musica Rock grazie al primo lavoro discografico “Ex Tempore” (2009) prodotto per la etichetta indipendente G&M Recorfonic, di Claudio “Greg” Gregori (Lillo e Greg).
Scritto e arrangiato da Alessandro Meozzi “Ex Tempore” viene mixato da Marco Fasolo dei Jennifer Gentle (produttore del singolo “Pop Porno” de Il Genio e di “Endkadenz Vol. 1” dei Verdena) che riesce ad esaltare la componente psichedelica dell’album.
La Band spinge all’estremo la componente psichedelica con Il secondo prodotto discografico “IL CASTELLO” (2011), colonna sonora dello spettacolo teatrale ispirato all’omonimo romanzo incompiuto di Kafka adattato e diretto dal regista Giorgio Barberio Corsetti.
Nel settembre del 2013 gli Statale 66 registrano la sigla in stile “surf“ del programma radiofonico “Mario and the city” su la radio nazionale M2O.
Dalla collaborazione con il popolare programma di Rai2 il 27 luglio 2015 esce album “STRACULT”, distribuito dall’etichetta BEAT RECORDS, il quale raccoglie le versioni in studio dei brani eseguiti nel corso delle puntate del 2014 e un inedito “The Doggie Surf” in stile Surf/Pulp che mescola Fender squillanti con voci allucinate in stile B52.
Nel 2017 Alessandro, Giulia e Mary tornano alla pubblicazione di un disco di originali intitolato ROCK TRIP VOL.1” che viene distribuito in tutta Italia dalla Gooofellas.
Il disco non è che il primo volume di un progetto più ampio che contiene 6 sezioni differenziate che rappresentano l’itinerario di un viaggio per tappe tematiche e generi musicali, metafora della crescita personale ed emozionale.
Nel 2018 la band pubblica un nuovo album di originali Rock-a-my- Head! tornando alle radici rock, il disco viene concepito come un disco di classic rock, essenziale, chitarristico con testi di inquietudine metropolitana.
La critica mainstream italiana definisce il disco come “il disco della maturità artistica della band”.

Nel 2019 il brano “Because it’s you” viene scelto come sigla del programma TV “Le cose cambiano?” sul canale di stato nazionale Rai 5. Altri brani del disco “Rock-a-my head”, insieme ad altre composizioni della band, vengono utilizzate come colonna sonora dello stesso programma.

Modifica questa wiki

Non vuoi vedere annunci? Effettua l'upgrade

Artisti simili

In evidenza

API Calls