È disponibile una nuova versione di Last.fm, per assicurarti un funzionamento ottimale ricarica il sito.

Biografia

I Traffic sono un gruppo britannico che operò tra il 1967 e la metà degli anni '70, il cui nucleo fondamentale è composto da:

* Steve Winwood (nato a Great Barr, West Midlands, Inghilterra il 12 maggio 1948), tastiere, chitarre e voce solista;
* Chris Wood (nato a Londra, Inghilterra il 24 giugno 1944 - Londra il 12 luglio 1983), flauto, sassofoni;
* Jim Capaldi (nato a Evesham, Worcestershire, Inghilterra il 24 agosto 1944 -Londra il 28 gennaio 2005), batteria e voce;

intorno ai quali hanno ruotato diversi altri musicisti, tra cui:

* Dave Mason (nato a Worcester, Worcestershire, Inghilterra il 10 maggio 1946), chitarra, cofondatore della band;
* Rebop Kwaku Baah (nato a Lagos, Nigeria, il 13 febbraio 1944, morto il 12 gennaio 1983 a Stoccolma, Svezia), percussioni.

* Ric Grech (nato a Bordeaux, Francia, il 1 novembre 1946 - Leicester, Inghilterra, il 17 marzo 1990), basso;
* Jim Gordon, batteria;
* David Hood, basso;
* Roger Hawkins, batteria;
* Barry Beckett, organo hammond;
* Rosko Gee, basso.

Gruppo creativo quanto anarchico, a tratti penalizzato dalla tendenza di Winwood (classe 1948 ma già nel 1966 stella dello Spencer Davis Group con l'hit Gimme some lovin') a spadroneggiare sugli altri membri e da una tormentata storia di separazioni e riunioni, ha saputo comunque scrivere alcune belle pagine musicali con uno stile a metà strada tra il progressive-rock, il jazz e il folk. Tra i primi singoli della band la psichedelica Hole in my shoe (1967).

Uno dei loro album più rappresentativi è John Barleycorn Must Die (1970) dove, oltre alla title-track che non è altro che la riproposizione in chiave moderatamente folk rock di un canto di origine celtica, spiccano lo strumentale Glad in cui Winwood e Wood si sfidano a chi gigioneggia di più, e la swingante Empty pages.

Altri brani emblematici della ricerca stilistica e sonora del gruppo sono Dear Mr. Fantasy (1967) e 40.000 headmen (1968). Un'altra loro composizione, No Face, No Name, No Number, tratta dal loro primo long playing "Mr. Fantasy" (1967) venne riproposta dal complesso beat italiano Equipe 84 col titolo di Un Anno.

Durante la temporanea debacle della band, a cavallo tra i '60 e i '70, Winwood si aggregherà a Eric Clapton e Ginger Baker (ex-Cream) e Ric Grech (ex-Family) nel supergruppo Blind Faith con all'attivo un unico, omonimo album (1969).

Dopo la vetta di John Barleycorn la produzione del gruppo prosegue su ottimi livelli, anche se per alcuni è meno originale, venendo comunque premiata da vendite massicce.

Dopo la pubblicazione di When The Eagle Flies (1974) i Traffic si sciolgono.

Nel 1994 Winwood e Capaldi rispolverano la gloriosa sigla pubblicando Far From Home ed intraprendendo un tour. L'album è dedicato a Chris Wood, scomparso undici anni prima.

Un decennio dopo, nel 2004, i Traffic vengono inseriti nella Rock and Roll Hall of Fame ma, di lì a poco, una possibile nuova reunion della band è purtroppo resa impossibile a causa della morte di Jim Capaldi, nel gennaio 2005, sancendo l'assoluta impossibilita di progetti futuri a nome Traffic. Nel novembre dello stesso anno esce il doppio live Last Great Traffic Jam (il titolo sfrutta un gioco di parole inglese: 'traffic jam' significa 'ingorgo automobilistico') che contiene brani dal tour del 1994. Winwood, tuttora attivo come solista, ripropone spesso in concerto i cavalli di battaglia della sua storica band.

Modifica questa wiki

Non vuoi vedere annunci? Abbonati ora

API Calls