In ascolto tramite Spotify In ascolto tramite YouTube
Passa al video di YouTube

Caricamento del lettore...

Esegui lo scrobbling da Spotify?

Collega il tuo account Spotify a quello di Last.fm ed esegui lo scrobbling di tutto quello che ascolti, da qualsiasi app di Spotify su qualsiasi dispositivo o piattaforma.

Collega a Spotify

Elimina

È disponibile una nuova versione di Last.fm, per assicurarti un funzionamento ottimale ricarica il sito.

Biografia

I The Roots sono un gruppo hip hop statunitense, formatosi a Philadelphia nel 1987.
La loro maggiore peculiarità è quella di essere rimasti sempre fedeli alle proprie regole e al proprio stile, imperniato su inusuali giri di basso e chitarra, batteria dal vivo e voce roca e gutturale a bordo del microfono. Ispirati dal concetto di "gruppo hip hop" avviato dagli Stetsasonic, hanno come riferimenti principali alternative hip hop e neo soul ed hanno riscosso ampio successo di critica.
A loro volta hanno anche influenzato altri musicisti negli ambienti hip hop ed R&B.

?uestlove (pronuncia "Questlove") e Black Thought iniziano ad esibirsi utilizzando soltanto la batteria del primo e la voce del secondo, perché non hanno possibilità economiche tali da permettersi microfono e piatti. Si esibiscono nel loro quartiere e nei talent shows, accumulando i primi ingaggi e conoscendo il rapper Malik B ed il bassista Hub (Leon Hubbard). La loro spola tra Philadelphia e New York gli permette di diventare un vero e proprio fenomeno rap underground con massiccia street-credibility.

Il loro primo album, Organix viene pubblicato nel 1993 sotto Remedy Records, poco tempo dopo i Roots firmano per l'etichetta DGC, all'epoca conosciuta per gli album grunge. Do You Want More?!!!??! è il loro secondo LP che esce nel Gennaio del 1995, la sua inaspettata novità è che, rispetto al materiale hip hop del periodo (che si avvale di campioni musicali per le basi e via dicendo), il disco è interamente suonato e inedito. Così non ottiene particolare successo tra gli amanti dell'hip hop, ma nell'ambiente jazz e della musica alternative viene particolarmente apprezzato tanto che i Roots sono invitati al Lollapalooza e al Montreux Jazz Festival. Con loro collaborano il beatmaker Scott Storch e il beatboxer Rahzel che diventeranno parte integrante del gruppo.

Nel 1996 viene pubblicato Clones, singolo che finisce nella Top 5 delle rap charts. Illadelph Halflife è l'intero album che lo segue nel Settembre dello stesso anno, e che riceve consensi all'interno della sfera underground ma non riesce a sfondare. Il 1999 è la volta di Things Fall Apart, LP che con il singolo Got Me (con la vocalist Erykah Badu) riscuote un notevole successo e fa da sprone al gruppo che già alla fine dell'anno pubblica The Roots Come Alive, seguito da Phrenology nel Novembre del 2002. Con The Seed 2.0, singolo rivelazione tratto da un brano del vocalist Cody ChesnuTT, The Roots acquistano la piena maturità artistica. Nel 2004, dopo aver fondato la Okayplayer, compagnia che formata da una eticheta discografica ed un'agenzia di promozione, escono 10 tracce di jam session, raggruppate in un album dal titolo di The Tipping Point. All'inizio del 2005 esce The Roots Presents: A Sonic Event, un live registrato presso la Webster Hall di Manhattan, a cui partecipano gruppi come gli YOung Gunz, i Mobb Deep e la rapper Jean Grae.

Modifica questa wiki

Non vuoi vedere annunci? Abbonati ora

Collegamenti esterni

API Calls