In ascolto tramite Spotify In ascolto tramite YouTube
Passa al video di YouTube

Caricamento del lettore...

Esegui lo scrobbling da Spotify?

Collega il tuo account Spotify a quello di Last.fm ed esegui lo scrobbling di tutto quello che ascolti, da qualsiasi app di Spotify su qualsiasi dispositivo o piattaforma.

Collega a Spotify

Elimina

È disponibile una nuova versione di Last.fm, per assicurarti un funzionamento ottimale ricarica il sito.

Biografia

I The Gathering, originari di Oss, Paesi Bassi, nascono nel 1989 come band gothic/doom metal; dal 1998 abbandonano il metal e il loro stile si evolve gradualmente verso quello attuale, un rock alternativo dalle tinte psichedeliche.

La nascita del gruppo si deve ai fratelli Hans e René Rutten e a Bart Smits, a cui si uniscono successivamente Hugo Prinsen Geerligs, Jelmer Wiersma e Frank Boeijen. A distinguerli dalle altre band metal sono le tastiere, che all'epoca non erano molto comuni nel genere. Il primo disco, Always…, viene rilasciato nel 1992 dopo alcuni demo che li hanno portati ad aprire per band del calibro dei Samael e dei Death. L'abum si muove su ritmiche cadenzate e toni oscuri, e il cantato growl di Bart Smits è intervallato dalla voce femminile di Marike Groot. La critica della stampa è positiva, e molti concerti si susseguono, anche al di fuori dell'Olanda.

L'album successivo, Almost a Dance, vede un cambio di line-up dal punto di vista vocale: entrano Niels Duffhues e Martine van Loon a sostituire rispettivamente Bart e Marike, ma i risultati non sono dei migliori, e di nuovo nel gruppo si sente bisogno di rinnovamento. È così che con l'uscita di Mandylion giunge finalmente Anneke van Giersbergen, dalla voce pulita e dolce, più adatta alle atmosferere gotiche della band. Questo è il primo album prodotto sotto l'etichetta Century Media.

Sulle stesse sonorità di Mandylion esce Nighttime Birds, altro successo, che però porta all'abbandono del chitarrista Jelmer Wiersma.

Nel 2000 i The Gathering pubblicano uno dei loro dischi più apprezzati, il doppio How to Measure a Planet?, che mette in evidenza la loro anima psichedelica. Il suono si è ammorbidito e i testi si sono fatti più profondi; su tutto campeggia la conclusiva title-track, lunghissima e introspettiva. Per la prima volta la band suona negli Stati Uniti. Dopo questo album il quintetto olandese sente il bisogno di abbandonare il music-business, così viene fondata una propria etichetta, la Psychonaut Records e, per svincolarsi dalla Century Media, viene pubblicato il live album Superheat.

Il primo album prodotto da indipendenti è If Then Else, che li porta in tour ininterrottamente per più di un anno. Il seguito del gruppo aumenta sempre di più nonostante la decisa sterzata verso il rock.

Il successivo lavoro in studio è Souvenirs, il disco più riuscito ed originale della band, dal sound definito "trip-rock" con forti influenze dai Radiohead e dal trip-hop, a cui, dopo un lungo tour, segue il secondo live Sleepy buildings - A Semi-acoustical Evening. L'ultima produzione in studio è Home del 2006.

Attualmente i The Gathering sono in studio per la registrazione di un nuovo album, dopo quasi dieci mesi di pausa dovuti alla nascita del primo figlio di Anneke, Finn. Il 6 giugno 2007, però, la stessa Anneke ha annunciato che da agosto non sarà più nella band per dedicarsi a nuovi obiettivi, l'ultimo concerto per lei sarà quello del 4 agosto all'Ankkarock Festival.

Formazione attuale:
* Silje Wergeland (2008 – presente) – voce
* Hans Rutten (1989 – presente) – batteria
* René Rutten (1989 – presente ) – chitarra, flauto
* Frank Boeijen (1989 – presente) – piano, tastiere
* Marjolein Kooijman (2003 – presente) – basso

Modifica questa wiki

Non vuoi vedere annunci? Abbonati ora

Collegamenti esterni

API Calls