In ascolto tramite Spotify In ascolto tramite YouTube
Passa al video di YouTube

Caricamento del lettore...

Esegui lo scrobbling da Spotify?

Collega il tuo account Spotify a quello di Last.fm ed esegui lo scrobbling di tutto quello che ascolti, da qualsiasi app di Spotify su qualsiasi dispositivo o piattaforma.

Collega a Spotify

Elimina

È disponibile una nuova versione di Last.fm, per assicurarti un funzionamento ottimale ricarica il sito.

Wiki

Music for People in Trouble è il sesto album in studio della cantautrice norvegese Susanne Sundfør. La sua pubblicazione era inizialmente prevista per il 25 agosto 2017 in tutta Europa e per il 30 agosto nel resto del mondo, ma dei ritardi nella produzione hanno costretto a spostare la data di pubblicazione all'8 settembre per le versioni CD e digitale e al 29 settembre per la versione in vinile.

In un'intervista al The Daily Telegraph, Susanne ha dichiatato che l'album riguarda la sua visione delle delusioni amorose, dell'inquinamento e dei cambianti climatici, dei conflitti politici e della guerra. Riguardo alla scelta del titolo, si è spiegata così: "Tutti hanno problemi, siamo tutti pazzi. Questo non è un album politico e non è una terapia; è musica che puoi ascoltare per sentire qualcun altro che pensa le stesse cose che pensi tu. Stiamo uccidendo il nostro pianeta; puoi impegnarti politicamente, puoi unirti a Greenpeace, ma potresti comunque continuare a sentirti triste, spaventato e atterrito. Quest'album riguarda quindi il cercare un modo per rimanere lucidi e calmi".
I testi di Music for People in Trouble sono stati ispirati anche dal saggio L'universo dal nulla del fisico e divulgatore scientifico statunitense Lawrence M. Krauss e dall'antologia di poesie News of the Universe curata da Robert Bly, leader del Mythopoetic Men's Movement. Un'altra fonte d'ispirazione è stato il poeta Robinson Jeffers, in particolare i versi di Rearmament citati dal Dark Mountain Project.

Nella titletrack è presente un discorso dell'escursionista Andres Roberts; intervistato dalla stessa Susanne, ha risposto alla domanda "cosa diresti a qualcuno che ha rinunciato a vivere?". Il monologo iniziale di The Golden Age è invece pronunciato da un amico londinese della cantautrice.

Modifica questa wiki

Non vuoi vedere annunci? Abbonati ora

API Calls