In ascolto tramite Spotify In ascolto tramite YouTube
Passa al video di YouTube

Caricamento del lettore...

Esegui lo scrobbling da Spotify?

Collega il tuo account Spotify a quello di Last.fm ed esegui lo scrobbling di tutto quello che ascolti, da qualsiasi app di Spotify su qualsiasi dispositivo o piattaforma.

Collega a Spotify

Elimina

È disponibile una nuova versione di Last.fm, per assicurarti un funzionamento ottimale ricarica il sito.

Biografia

  • Anni di attività

    1990 – oggi (29 anni)

  • Componenti

I San Culamo sono una band musicale di Roma, che si distingue nel panorama musicale ''underground'' grazie a testi ad alto contenuto blasfemo ed anticlericale.

L'uso estremo della bestemmia, l'irriverenza anticlericale e l'uso colorito delle parolacce ha contribuito soprattutto tra quella parte di pubblico più giovane incline a questo tipo di linguaggio e/o appartenente a tale subcultura, alla notorietà del gruppo, prima negli anni '90 a livello regionale a Roma e nel Lazio mediante lo scambio di cassette pirata, poi nazionale negli anni 2000 grazie al peer-to-peer e attualmente allo streaming su YouTube.

Biografia
Nascono nei primi anni '90 nella Capitale. I vari componenti del gruppo negli anni non hanno mai dichiarato ufficialmente i propri nomi, preferendo l'utilizzo di pseudonimi. Tra i membri che hanno collaborato è presente Fabio Pinci, già frontman e cantante dei Prophilax. Il progetto musicale dei San Culamo però è completamente estraneo a quello dei Prophilax, ed è anche stilisticamente distante da quest'ultimo.
Il nome stesso della band, ''San Culamo'', oltre a suggerire un tipo di santità pornografica, è una storpiatura dell'espressione ''Ci Inculiamo'' che in romanesco è resa come ''Se 'Nculàmo'' e pronunciata con accento turpe ''Sa 'Nculàmo'', da cui ''San Culamo''.

I brani dei San Culamo non sono sempre originali, si tratta in molti casi di ridoppiaggi di lavori di artisti celebri della musica pop, tra i più bersagliati ci sono gli 883. La stessa vendita delle audiocassette non ha mai trovato spazio nei negozi, se non in quelli di musica alternativa per la presenza di materiale contrario al pubblico pudore e, comunque, non registrato alla Siae.
Spesso, soprattutto per colpa dell'imprecisione dei dati reperibili tramite file sharing, i San Culamo vengono confusi con i "cugini" Prophilax che invece nei testi non fanno uso della bestemmia, con gli ''8&69'' e con i ''Pizza e Fichi', altri gruppi romani goliardici.

''I Predatori dell'Arca Madonna'' è attualmente il loro ultimo lavoro in studio, tuttavia la canzone dal titolo ''Padre Cryo, Padre Clio'', facente parte della colonna sonora del ridoppiaggio demenziale dei Prophilax ''Puttanic'' (2005), viene attribuita ai San Culamo.
Diversi brani dei San Culamo vengono utilizzati tutt'ora durante i concerti dei Prophilax, riscuotendo successo da parte del pubblico. Il brano ''Jingle Cazz'' verrà poi inserito nel 2005 anche nel primo CD Live dei Prophilax ''Analive"'.

Nel giugno 2007 viene pubblicata nello spazio MySpace ufficiale del gruppo la notizia di una probabile ''reunion'' "in nome dell'anticlericalismo più sfrenato e feroce". Attualmente non è stato rilasciato ufficialmente nessuno nuovo lavoro.

Formazione
Emmy Ator Best - voce
Zebuleb - chitarra
Nasat - basso
Baphomet - tastiere
Yale Diòma - batteria
Donna Arcàma - cori
I nomi dei membri della band non vengono mai dichiarati esplicitamente e vengono sostituiti da pseudonimi-anagrammi che riconducono a bestemmie e ai vari appellativi con cui è conosciuto comunemente il Diavolo, probabilmente un espediente per preservare i componenti da eventuali problemi legali.

Discografia
1994 - Scomunicati e vincenti
1997 - Massacro a Betlemme
2001 - I Predatori dell'Arca Madonna

Curiosità
Nel 2002 durante una puntata del Grande Fratello ungherese uno dei partecipanti di origine italiana, uscendo dopo l'eliminazione, ha gridato in diretta nazionale e davanti ai microfoni ungheresi diverse bestemmie in italiano, attirando diverse critiche da parte dei giornali magiari. In un'intervista ad un'emittente televisiva ha attribuito quella frase al suo gruppo italiano preferito, i San Culamo, dando al gruppo visibilità presso i mass media ungheresi.

Modifica questa wiki

Non vuoi vedere annunci? Abbonati ora

API Calls