In ascolto tramite Spotify In ascolto tramite YouTube
Passa al video di YouTube

Caricamento del lettore...

Esegui lo scrobbling da Spotify?

Collega il tuo account Spotify a quello di Last.fm ed esegui lo scrobbling di tutto quello che ascolti, da qualsiasi app di Spotify su qualsiasi dispositivo o piattaforma.

Collega a Spotify

Elimina

È disponibile una nuova versione di Last.fm, per assicurarti un funzionamento ottimale ricarica il sito.

Biografia

  • Data di nascita

    1 Maggio 1944 (età: 74)

Camillo Ferdinando "Roby" Facchinetti (Bergamo, 1° maggio 1944) è un musicista e cantante italiano, tastierista dei Pooh.

E' soprannominato "Roby" sin dall'infanzia, dal termine bergamasco robìn, ovvero piccolino, data la gracile corporatura del giovane Camillo. L'infanzia la passa nel luogo natio, una cascina ad Astino, quartiere periferico di Bergamo.

Il nonno di Roby era compositore e direttore di un coro polifonico. Il suo primo approccio con la musica avviene all'età di 4 anni quando, ad orecchio, comincia a suonare un'armonica a bocca. Seguono lo studio della fisarmonica a 8 anni, e il pianoforte a 10. sposato. ha cinque figli: Alessandra, a cui è dedicato l'album omonimo dei Pooh del 1972, Valentina, Francesco, cantante e conduttore radiotelevisivo, Roberto e Giulia.

Prima dei Pooh milita con "I Monelli", e, dopo tanta gavetta, si esibisce al Grand Hotel di Rimini a cui segue la scrittura per venti serate al locale La Stalla di Riccione. Mentre suona con la band Pier Filippi e Le Copains, nel 1966, conosce i Pooh. Il gruppo, che aveva qualche problema con un tastierista inglese, gli propone di entrare a sostituirlo.

Con i Pooh:
Nel 1966 i Pooh sono ancora un gruppo "sperimentale", quando il giovane Facchinetti fa il suo ingresso nella band. Diventa subito il compositore della maggior parte dei pezzi, è difatti della coppia "Facchinetti-Negrini" il primo dei brani non Cover del gruppo, si tratta di Brennero '66, canzone portata con scarso successo al "Festival delle Rose" del 1966. Oltre ad esserne l'autore, Roby ne è anche l'interprete. Il brano è censurato dalla Rai, viene anche intimato alla band di cambiar titolo e modificare il testo, pena l'estromissione dal concorso. Diventa così Le campane del silenzio, in una performance radiofonica disturbata da problemi tecnici che non ne permisero l'ascolto. Si classificò all'ultimo posto.

Il ruolo di Facchinetti nel gruppo è preponderante. Fino al 1971 le composizioni del musicali passano tutte dalle sue sapienti mani, anche se l'interpretazione degli stessi viene affidata alle voci di Riccardo Fogli e Dodi Battaglia. Roby si toglie la soddisfazione di cantare in La Fata della Luna del 1969, uno dei brani più importanti del Lp Memorie, già pubblicata l'anno precedente come La leggenda della Luna nel disco Contrasto.

È di Roby il primo grande successo del gruppo, Piccola Katy, Lato B della meno fortunata In silenzio, 45 giri pubblicato nel 1968.

Seguono altri singoli di secondaria importanza prima di arrivare alle canzoni che aprono le classifiche mondiali al quartetto. Scritte in coppia con il fido paroliere Valerio Negrini, nascono così Tanta voglia di lei, Pensiero, Noi due nel mondo e nell'anima , Nascerò con te, Parsifal.

Nel primo Lp pubblicato dai Pooh con la nuova casa discografica "Cbs", nel 1971, Roby si limita a cantare la strofa finale della titletrack "Opera Prima".

Dal 1972, con l'uscita di Alessandra (album e canzone dedicati alla neonata bimba di casa Facchinetti) anche Dodi Battaglia comincia a proporsi come autore delle musiche del gruppo. Pur cantando nel singolo Cosa si può dire di te, la voce di Roby è ancora in secondo piano, sovrastata dapprima da Riccardo e poi da Dodi.

Nel Lp Parsifal, che consacra la formazione definitiva della Band, Roby si ritaglia alcune parti vocali in Lei e lei (scritta però da Dodi Battaglia), L'anno, il posto, l'ora e Solo cari ricordi, alternandosi con Dodi e Red nel cantato delle ultime due.

Con l'uscita del singolo Per te qualcosa ancora, la voce leader del gruppo diventa Roby, che interpreta successivamente le hit di maggior successo del decennio, partendo da Linda, Pierre, Dammi solo un minuto, Cercami, Ci penserò domani e Io sono vivo.

Il suo ruolo di leader vocale continua per tutti gli anni '80 e raggiunge l'apice con la vittoria sanremese del 1990, dove a Roby viene affidato il potente ritornello di Uomini soli.

Successivamente, il suo ruolo come compositore viene affiancato con maggior insistenza da Red Canzian e Dodi Battaglia, mentre i testi delle canzoni iniziano ad esser affidati con maggior frequenza a Stefano D'Orazio, che scrive sulle musiche di Roby brani importanti come La donna del mio amico o Dimmi di si (interpretata poi dallo stesso D'Orazio).

Ha partecipato alla 57° edizione del festival di Sanremo, al fianco del figlio Francesco, con il brano 'Vivere normale', centrata sul tema dell'amore e del rapporto filiale. Dopo la prima esibizione, però, sono stati aspramente criticati dall'esperto Mario Luzzatto Fegiz in occasione del Dopofestival. Nonostante tutto i due si sono classificati all'ottavo posto

Curiosità:
Ha pubblicato 2 dischi da solista. Nel 1984 esce Roby Facchinetti (inciso con musicisti inglesi e l'orchestra sinfonica di Monaco) e nel 1993 Fai col cuore (un album introspettivo, anche questo registrato con un'orchestra sinfonica). Ha collaborato con Milva per la composizione di Uomini addosso.
Ascolta moltissima musica italiana e straniera ma non disdegna la musica sinfonica, passione che ha ereditato dalla madre.
È noto tifoso dell'Atalanta e simpatizzante del Milan. Ama fare jogging anche per favorire l'ispirazione.
È nota la sua abilità di cuoco, amante dei cibi semplici, e la sua passione per il buon vino italiano. Ha una cantina con 2 mila etichette di vino, bianchi, ma soprattutto i rossi della Toscana, del Piemonte e della Sicilia.
È un appassionato di rugby e tifa la Benetton di Treviso. Ha anche partecipato alla partita del cuore di rugby.
Ha interpretato anche una canzone dedicata al figlio di nome "Fior di Tulipano Appassito".

Discografia:
Roby Facchinetti (1984)
Fai col cuore (1993)

Altre registrazioni:
Atalanta azzurra (1986). Brano composto da Roby Facchinetti. Inno della squadra calcistica dell'Atalanta. Esistono tre versioni della canzone, la prima inclusa come Lato A dell'omonimo 45 giri, la seconda è la versione strumentale dello stesso brano, la terza è una versione con soli voce e pianoforte registrata da Roby Facchinetti recentemente.
Alleluja (2000). Brano composto da Roby Facchinetti e Valerio Negrini per la beatificazione di Papa Giovanni XXIII, originario di Bergamo. Roby la compose e la cantò in occasione della serata di celebrazione, accompagnato dall'orchestra e dal Coro della città di Bergamo.
Grande Madre (2005). Brano religioso composto da Roby e Stefano.
Dea (2007). Inno ufficiale della squadra di calcio Atalanta per festeggiarne il Centenario. Musica e testo scritto dallo stesso Facchinetti. Alla registrazione del brano, avvenuta presso gli studi dei Pooh, sono intervenuti dei tifosi dell'Atalanta scelti appositamente fra i componenti della Curva nord.

Di recente ha collaborato scrivendo 3 brani (2 con D'Orazio: "Ho bisogno di te" e "Sempre per sempre" e 1 con Negrini: "Torna") per l'album dell'artista Andrea Del Principe e Kylee Kate Sargant uscito a fine 2007 dal titolo: "Buonanotte Amore".

Modifica questa wiki

Non vuoi vedere annunci? Abbonati ora

API Calls