In ascolto tramite Spotify In ascolto tramite YouTube
Passa al video di YouTube

Caricamento del lettore...

Esegui lo scrobbling da Spotify?

Collega il tuo account Spotify a quello di Last.fm ed esegui lo scrobbling di tutto quello che ascolti, da qualsiasi app di Spotify su qualsiasi dispositivo o piattaforma.

Collega a Spotify

Elimina

È disponibile una nuova versione di Last.fm, per assicurarti un funzionamento ottimale ricarica il sito.

Wiki

"A New Dawn Fades" - Review on Italian Webzine Heavy Impact

Recensione "A New Dawn Fades" su Heavy Impact - Review on italian webzine Heavy Impact

Vi sono luoghi ove alcune cose non passano mai in maniera definitiva, me restano tracciate nello spirito di coloro a cui quei luoghi appartengono. Questa piccola premessa, a parer mio, suona in modo perfetto nell'inquadrare questa prima release dei torinesi Origod. La band è infatti un buon esempio di quello che è stata quella città e di cosa ha rappresentato per il nostro paese all'interno della scena Hardcore.

Naturalmente quanto detto non deve far pensare ad una band clone dei nomi più rappresentativi di quella scena, quanto ad una band che ha fatto propri quegli impeti di fisica poesia e li ha riletti attraverso la moderna corrente core.
"A New Dawn Fades" è un lavoro, nel senso più ampio, dal taglio crossover, vi si ritrovano infatti: sprazzi di fisico Metalcore, riffs che in più di un caso, risentono delle melodie secche del Death Metal svedese e barlumi Post Rock votati a creare sensi di smarrimento, attraverso dinamiche strutturali che eludono volutamente la linearità e la compostezza.
All'interno di tutte queste referenze, l'animo della band non si smarrisce, anzi ne esce arricchito e volto a comporre sette brani in bilico tra forza e momenti dotati di maggiore orecchiabilità e pulizia sonora. Prescindendo dai singoli brani "A New Dawn Fades" è capace sempre di regalare mood diversificati, che soggiacciono all'interno della dialettica fisicità/risentimento.
Altra cosa, che fa apprezzare il disco, è il ricorso mai troppo costante ai groove (probabilmente il difetto di tutte le sonorità dal piglio moderno in ambito Heavy), cosa che dona ai brani qualche barlume di avanguardia, come è testimone la conclusiva "Freedom is in the End", brano ricco di controtempi e di divagazioni post rock/metal.

Concludendo, gli Origod, danno alle stampe un lavoro colmo di punti di interesse, prodotto con cura e gravido di potenzialità.

Recensione di Andrea Angelino

http://www.heavyimpact.net/new-releases/origod-a-new-dawn-fades.html#ixzz1KlBvsk6B

Modifica questa wiki

Non vuoi vedere annunci? Abbonati ora

API Calls