In ascolto tramite Spotify In ascolto tramite YouTube
Passa al video di YouTube

Caricamento del lettore...

Esegui lo scrobbling da Spotify?

Collega il tuo account Spotify a quello di Last.fm ed esegui lo scrobbling di tutto quello che ascolti, da qualsiasi app di Spotify su qualsiasi dispositivo o piattaforma.

Collega a Spotify

Elimina

È disponibile una nuova versione di Last.fm, per assicurarti un funzionamento ottimale ricarica il sito.

Biografia

I Marduk nascono in Svezia, grazie allo storico chitarrista della band Morgan. Nel 1992 pubblicano il primo album "Dark Endless", seguito da "Those of the Unlight" (1993) ma è con "Opus Nocturne" (1994) che si rendono noti alla critica e sfornano il loro album più completo. Dopo "Heaven Shall Burn… When We Are Gathered" (1996) , molto importante per la loro carriera risulta essere "Nightwing" (1998): questo disco presenta classiche sfuriate black violentissime in puro stile black metal con i tipici testi a sfondo satanico ma per la prima volta viene presentato un accenno di concept album: la seconda metà dell'opera è contraddistinta dagli ultimi cinque brani, tutti collegati fra loro, e narra la vera storia di Vlad Tepes, oscuro signore dell'antica Valacchia che, noto per la sua crudeltà, diede vita alla leggenda del conte Dracula. Questo album sarà il primo di una trilogia che, a detta della band, esprime la filosofia del vero Black Metal: una trilogia formata da Sangue, Guerra e Morte. "Nightwing" è il sangue, il successivo "Panzer Division Marduk" la guerra quindi "La Grande Danse Macabre" la morte. Nel 1999 esplodono letteralmente con "Panzer Division Marduk", che secondo le intenzioni della band dovrebbe essere l'episodio più feroce della loro carriera; in effetti il risultato finale risulta essere per il black metal quello che fu "Reign in Blood" degli Slayer per il Thrash metal ma comunque non alla sua altezza: disco brevissimo, nessun rallentamento esecutivo e una ferocia musicale assurda. Per apprezzarne l'indubbio valore bisogna però essere altamente preparati a sonorità di questo tipo: un incauto ascoltatore sarebbe in effetti intimidito da tanta tracotanza. I quattro partono per un tour mondiale che li vedrà impegnati per un anno. Nel 2001 esce "La Grande Danse Macabre". Da citare nel 2003 anche l'album "World Funeral". Da qui in poi i Marduk diventano uno dei gruppi leggendari del black metal e vengono rivalutati anche i loro dischi precedenti.

Fanno grandi esibizioni live in Europa e in altre regioni del mondo. Purtroppo in breve tempo il batterista Fredrik Andersson lascia la band, così l'anno dopo il cantante Legion è costretto ad andarsene (causa la nascita di sua figlia), e poi il bassista B.War (che si trasferisce nagli U.S.A).

Morgan recluta alla voce Mortuus, Devo (ex chitarrista degli albori) al basso e Emil alla batteria.

I nuovi Marduk pubblicano un album nel 2004 chiamato Plague Angel e un live "Live in Warshau"; dal 2006 sono entrati in studio per registrare il loro decimo album, il cui titolo è "Rom 5:12"; quest'album rappresenta una svolta per il sound dei Marduk, svolta che ha fatto storcere il naso a molti dei fan di vecchia data, mentre secondo altri questo è un cambiamento necessario in quanto i Marduk si erano da troppo tempo assestati sul loro sound tipico cadendo nella ripetitività.

Modifica questa wiki

Non vuoi vedere annunci? Abbonati ora

Collegamenti esterni

API Calls