In ascolto tramite Spotify In ascolto tramite YouTube
Passa al video di YouTube

Caricamento del lettore...

Esegui lo scrobbling da Spotify?

Collega il tuo account Spotify a quello di Last.fm ed esegui lo scrobbling di tutto quello che ascolti, da qualsiasi app di Spotify su qualsiasi dispositivo o piattaforma.

Collega a Spotify

Elimina

È disponibile una nuova versione di Last.fm, per assicurarti un funzionamento ottimale ricarica il sito.

Biografia

Nel 1996 il rapper ed MC Mike Shinoda e il chitarrista Brad Delson si diplomarono insieme alla Agoura High School, e con l’amico batterista Rob Bourdon formarono i "SuperXero". In precedenza, Delson e Bourdon avevano suonato per un anno nei Relative Degree. Il primo faceva anche parte del gruppo The Pricks.
Poco dopo Shinoda passò all'Art Center College of Design di Pasadena. All'università Delson divenne amico del bassista Dave Farrell, detto Phoenix. I due furono compagni di stanza e spesso suonavano insieme. Farrell faceva già parte dei Tasty Snax – poi "The Snax" – insieme a Mark Fiore, futuro curatore della videografia dei Linkin Park. All’Art Center College of Design, Shinoda incontrò Joseph Hahn.
Farrell ed Hahn entrarono poi nei SuperXero, il cui nome fu poi accorciato in "Xero". A loro si unì poi il loro primo lead vocalist, Mark Wakefield. Insieme registrarono nel 1997 un demo eponimo con i brani "Fuse", "Reading My Eyes", "Rhinestone" e "Stick N' Move", che però non fu molto stimato dalle case discografiche, e perciò non firmarono alcun contratto. Nel 1998 Wakefield lasciò la band e divenne manager dei Taproot.
Shinoda aprì le audizioni per cercarne il sostituto. Nel frattempo Delson per i suoi studi di comunicazione contattò un rappresentante della Warner Bros. Records, Jeff Blue. Il manager consigliò ai due di assumere Chester Bennington, proveniente da Phoenix e già con i Grey Daze dal 1993 al 1997. I due Xero mandarono a Bennington un nastro con le basi strumentali del gruppo, e il cantante vi registrò proprie parti vocali, il giorno del suo compleanno. A quel punto telefonò a Shinoda e provò la canzone al telefono. Il rapper apprezzò la sua esecuzione e così Bennington entrò nel gruppo.
Poi gli Xero si rimisero alla ricerca di un contratto. Nel frattempo cambiarono nome in Hybrid Theory, perché Xero era già il moniker di un vecchio gruppo australiano, in attività negli anni settanta ed ottanta. Dopo che Farrell li aveva lasciati per dedicarsi di nuovo agli Snax, Delson chiamò come suo sostituto temporaneo il bassista Kyle Christener. Così realizzarono nel 1999 Hybrid Theory EP, di cui furono stampate solo 1000 copie. In quel periodo arrivò al basso Scott Koziol, apparso nel video di "One Step Closer".
Grazie a Jeff Blue e al loro primo EP, gli Hybrid Theory firmarono per la Warner. Tuttavia furono di nuovo forzati a cambiare nome, per problemi di copyright con il gruppo electropop britannico Hybrid. All’inizio erano indecisi tra Clear, Probing Lagers, Platinum Lotus Foundation e Ten P.M. Stocker (quest’ultimo si riferiva al fatto che la band era abituata a registrare il materiale dopo le 10 di sera).
Alla fine Bennington suggerì il moniker Lincoln Park, da una zona di Santa Monica (ora Christine Reed Park) dove passava in auto durante le registrazioni del primo album. Il cantante pensava che ci fossero tante “Lincoln Park” negli Stati Uniti e che perciò dovunque suonassero diventavano, per i loro futuri fans, un gruppo locale. Per pochi mesi usarono il nome Lincoln Park; poi, quando decisero di registrare un proprio dominio Internet, scoprirono che "lincolnpark.com" già esisteva. Poiché non potevano permettersi di acquistarlo, ne accorciarono l’ortografia da "Lincoln" a "Linkin" e comprarono così il dominio "linkinpark.com".l 24 ottobre 2000 uscì Hybrid Theory, prodotto da Don Gilmore. Dalla sua lista tracce fu scartato solo il rifacimento di "High Voltage", già su Hybrid Theory EP. Molte altre tracce dall’EP dovevano essere rifatte per l’album, ma poi l’idea fu scartata. Hybrid Theory è stato il disco d’esordio più venduto del 21° secolo, con 20 milioni di copie all'attivo.
Il gruppo sostenne il suo primo grande concerto il 17 dicembre 2000, per conto del programma KROQ Almost Acoustic Christmas. Shinoda scrisse per l’occasione una canzone nuova, "My December". Entrò nell’album natalizio di Kevin & Bean, due dj KROQ. Inoltre fu rilasciata come b-side sul CD del loro singolo di lancio, “One Step Closer”, ma anche in varie edizioni di Hybrid Theory.
All’inizio del 2001 Farrell tornò nei Linkin Park ed uscì il loro secondo singolo, "Crawling". Poi partirono per l’Ozzfest, insieme a Black Sabbath, Marilyn Manson, Slipknot e Black Label Society. A metà del 2001 la band rilasciò come singolo "In the End", la loro canzone più famosa e tra le più di successo di quell’anno. Il suo video fu diretto da Nathan "Karma" Cox e dal dj Joseph Hahn, e mostrava i Linkin su una statua circondata da un ambiente surreale. Premiato come miglior video rock agli MTV Video Music Awards del 2002, si avvaleva molto della computer graphic.
Il 21 novembre 2001 uscì il loro primo DVD, Frat Party at the Pankake Festival, con i primi video del gruppo e un documentario del tour promozionale per Hybrid Theory. In alcuni file potevano anche assistere a video nascosti: in uno di questi era suonata nel 1999 la prima versione di "A Place For My Head", intitolata "Esaul". Nello stesso mese la loro amica Jessica Bardas li aiutò a fondare il fan club ufficiale Linkin Park Underground. I suoi membri ricevono ogni anno (ma solo ad iscrizione rinnovata) una confezione contenente una t-shirt, un CD e vari gadget, tra cui plettri di chitarra, adesivi e poster. All’epoca rieditarono per LPU Hybrid Theory EP, con un nuovo artwork.
All’inizio del 2002 la band avviò il tour Projekt Revolution. Alla sua prima tappa parteciparono Adema, Cypress Hill, Apex Theory e DJ Z-Trip. Collaborarono anche con gli X-Ecutioners, per la canzone "It's Goin' Down". Durante il lunghissimo tour decisero di registrare un nuovo album. Perciò portarono la maggior parte degli strumenti sul tourbus e Shinoda decise di produrre una raccolta di remix. All’inizio voleva solo remixare due canzoni per un EP ma, incoraggiato da Hahn e Delson, alla fine optò per un album con 20 tracce. Così il 30 luglio 2002 uscì Reanimation, contenente i remix di "My December", "High Voltage" e di tutti i brani da Hybrid Theory. Dalla sua lista tracce Shinoda scartò tre rifacimenti di "Points of Authority", "By Myself" e "My December", rispettivamente di Crystal Method, Marilyn Manson e Team Sleep. All’album lavorarono anche Motion Man, Kutmasta Kurt, Chali 2na dei Jurassic 5, Stephen Richards dei Taproot, Kelli Ali degli Sneaker Pimps, Aaron Lewis degli Staind, gli Humble Brothers, Jonathan Davis dei Korn, Aceyalone, Pharaohe Monch, gli X-Ecutioners, Black Thought e Jay Gordon degli Orgy. Quest’ultimo realizzò "Pts.of.Athrty" (suo remix di "Points of Authority"), unico singolo estratto da Reanimation. Il video per "Pts.of.Athrty", girato da Joseph Hahn, venne realizzato completamente in computer graphic e presentava una fazione di alieni in guerra con una di robot.
In quel periodo il singolo “Crawling” vinse un Grammy, come Best Hard Rock Performance. Inoltre, agli MTV Europe Music Awards del 2002, i Linkin Park furono premiati per la prima volta come "Miglior Gruppo Rock".
A novembre uscì LPUnderground 2.0. L’EP fu rilasciato insieme alla seconda confezione del fan club, e conteneva il remix di "Points of Authority" dei Crystal Method e gli inediti "Dedicated" (registrato nel 1999) ed "A.06" (demo strumentale di 50 secondi, che in origine doveva far parte di Meteora).Già a metà del 2002 avevano registrato canzoni nuove, per un secondo album in studio. Il suo titolo fu mantenuto segreto fino a dicembre. Allora dissero di essersi ispirati a Meteora, una serie di monasteri su formazioni rocciose in Grecia, di cui vennero a sapere su una rivista di viaggi. "Un posto molto mitico e spirituale," disse Delson, "guardando quelle foto abbiamo avuto l’ispirazione, comprendendo quanto fosse epico. Credo che qualche nostro fan non abbia ancora visto le foto quando ha sentito il nome Meteora, e credo che ora comprenderanno il perché di quel nome. Siamo convinti che quel nome descriva in modo adeguato le emozioni che abbiamo provato a creare con questo nuovo disco.". Il suo primo singolo, "Somewhere I Belong", fu pubblicato tra buoni consensi nel febbraio del 2003; fu accompagnato da un clip diretto da Joseph Hahn, e premiato come miglior video rock agli MTV Video Music Awards dello stesso anno. Il 25 marzo uscì Meteora, prodotto anch'esso da Don Gilmore, che nella prima settimana vendette 810.000 copie e debuttò al primo posto di Billboard. Ad oggi ha venduto circa 11 milioni di copie, di cui oltre la metà nei soli Stati Uniti. Forti delle vendite del loro secondo lavoro in studio, furono premiati come "Miglior Gruppo Rock" anche ai World Music Awards di quell'anno.
In seguito la band partì per la seconda tappa di Projekt Revolution, insieme a Blindside, Mudvayne ed Xzibit. Finito il tour, uscì il secondo singolo "Faint", accompagnato da un video diretto da Mark Romanek. In estate partirono per il Summer Sanitarium Tour 2003, insieme a Metallica, Limp Bizkit, Deftones e Mudvayne. In Gran Bretagna si esibirono anche al Reading Festival insieme ai blink-182, suonando davanti a 65.000 fans (vi hanno partecipato anche Metallica, System of a Down, Blur ed AFI).
Joseph Hahn girò a Praga i video per i singoli "Numb" e "From the Inside". Il primo fu rilasciato nell’autunno del 2003, il secondo nel 2004. Bennington si ammalò prima che il video per "Numb" fosse completato, così il resto fu girato in una chiesa di Los Angeles, dove attualmente ha sede il gruppo.
Il 18 novembre 2003 i Linkin Park pubblicarono il CD/DVD Live in Texas. Conteneva video e brani delle loro tappe per il Summer Sanitarium, ad Houston e Dallas. Tre giorni dopo uscirono la terza confezione di LPU e LPUnderground 3.0, con cinque tracce escluse da Live in Texas. A dicembre suonarono di nuovo al concerto KROQ Almost Acoustic Christmas. Tra le 17 canzoni dal vivo vi era anche "One Step Closer", eseguita insieme a Sonny Sandoval dei P.O.D..
Nei primi mesi del 2004 prese il via il "Meteora World Tour", a cui si associarono anche P.O.D., Hoobastank e Story of the Year. Nel frattempo uscì il video per "From the Inside". Poi uscì un altro singolo, "Breaking the Habit", diretto da Kazuto Nakazawa e Joseph Hahn e disegnato in stile anime. Premiato come migliore scelta dello spettatore agli MTV Video Music Awards del 2004, il video mostrava l’anima di Bennington che viaggiava per un vecchio palazzo e s’imbatteva in varie persone che cercavano di abbandonare i loro vizi (come nel tema della canzone). Prima che uscisse come singolo "Breaking the Habit", "Lying From You" era stato già mandato in sola trasmissione radiofonica.
I Linkin Park aprirono anche la terza edizione di Projekt Revolution. Si esibirono in due sezioni chiamate Revolution Village. In quell’occasione usarono un design simile a quelli per Ozzfest e Vans Warped Tour. Vi parteciparono nella prima fase Korn, Snoop Dogg, The Used, Less Than Jake, e poi Ghostface, Funeral for a Friend, M.O.P. e Downset. Anche DJ Z-Trip si unì al tour, per trattenere il pubblico da una sezione all’altra. Durante le sessioni hip hop ballò Ivan the Urban Action Figure. Il Revolution Village comprendeva sale giochi, parchi per lo skateboard, gabbie da lotta e zone per remix. Il tour è stato il più di successo di quell’anno.
Agli MTV Europe Music Awards del 2004, furono di nuovo premiati come "Miglior Gruppo Rock".
Il 21 novembre 2004 uscì la quarta confezione LPU. In LPUnderground 4.0 vi erano anche due inediti, la strumentale "Sold My Soul to Yo Mama" e "Standing in the Middle", collaborazione con Motion Man registrata nel 2001 e che in origine doveva far parte di Reanimation.
Alla fine del 2004 il gruppo annunciò di aver iniziato a collaborare con Jay-Z. Per conto di MTV realizzarono insieme Collision Course, uscito il 30 novembre e contenente mash-up di alcune loro canzoni. L'EP debuttò al primo posto di Billboard, e il suo singolo "Numb/Encore" rimase nelle classifiche per sei mesi di seguito.All'inizio del 2005 promossero Music for Relief, tour di beneficenza per le vittime dello tsunami del 26 dicembre 2004. A maggio la band chiese la rescissione del contratto con la Warner, per "mancanza di confidenza". Tentarono anche di passare ad un'altra etichetta, ma senza risultati. L’8 luglio parteciparono al Live 8, a Filadelfia.
Shinoda annunciò anche di aver messo in piedi i Fort Minor, progetto collaterale hip hop. Poco dopo uscì la notizia che anche Bennington stesse lavorando ad un proprio gruppo, i Dead By Sunrise (prima girava la voce che si chiamassero "Snow White Tan", da uno spezzone del brano di David Bowie "Ziggy Stardust"). Vi lavorano anche Amir Derakh e Ryan Shuck degli Orgy, alle chitarre ed alla produzione.
Il 21 novembre 2005 uscì la quinta confezione LPU. LPUnderground 5.0 contiene brani eseguiti dal vivo al Live 8, insieme a Jay-Z. Il giorno dopo uscì The Rising Tied, primo album dei Fort Minor, prodotto da Jay-Z e da Mike Shinoda. Da esso sono stati estratti quattro singoli, "Petrified", "Believe Me", "Remember the Name" e "Where'd You Go". A dicembre fu rilasciata la compilation rapcore Rock Phenomenon, anch'essa prodotta da Shinoda ed incisa da Roc Raida degli X-Ecutioners e da DJ Vlad. Inoltre i Linkin riferirono di aver deciso di restare alla Warner.Ai Grammy Awards del 2006 il singolo "Numb/Encore", da Collision Course, è stato premiato come Best Rap/Sung Collaboration. Durante la premiazione, insieme a Jay-Z e Paul McCartney hanno coverizzato dal vivo "Yesterday", noto brano dei Beatles. Nell'agosto dell'anno medesimo, i Linkin hanno sostenuto il tour Summer Sonic in Giappone insieme ai Metallica. Per l'occasione hanno eseguito dal vivo una canzone nuova, intitolata "Qwerty". Il 29 agosto 2006 l’intero catalogo canzoni del gruppo è stato reso disponibile su iTunes.
A settembre hanno sostenuto anche altri tre concerti in Louisiana, insieme ai Fort Minor e in beneficenza per le vittime dell'uragano Katrina. Il 27 settembre sono anche apparsi a Total Request Live, dove Chester Bennington è stato intervistato da MTV. Un mese dopo Phoenix e Mike Shinoda sono apparsi ai Fuse Fangoria Chainsaw Awards.
Il 6 dicembre 2006 è uscita la sesta confezione LPU. LPUnderground 6.0 contiene brani eseguiti dal vivo al Summer Sonic, tra cui “Qwerty” e una versione live della vecchia “Reading My Eyes”, nonché alcune canzoni registrate in studio. Tra queste compaiono nuovamente "Qwerty" e la nuova "Announcement Service Public", la quale ha la particolarità di avere il suo breve testo cantato al contrario. Infatti Bennington, ascoltando la musica all'inverso, dice espressamente "You should brush your teeth, and, you, should wash your hands!".
Di recente si sono esibiti al Bamboozle Festival, insieme ai My Chemical Romance. Il concerto è stato sostenuto nel maggio del 2007, nel New Jersey.
Il 2 aprile 2007 è uscito il singolo "What I've Done", su MTV e Fuse, insieme alla campagna pubblicitaria per il nuovo album. Il disco è uscito il 14 maggio 2007, sia per la Machine Shop Recordings (etichetta fondata nel 2002 da Shinoda e Delson) che per la Warner, e contiene 12 canzoni prodotte da Mike Shinoda e Rick Rubin. L'album s'intitola Minutes to Midnight, con riferimento all'Orologio dell'apocalisse di Chicago, e si discosta un po' di più dallo stile dei lavori precedenti. Nella prima settimana ha venduto 600.000 copie, diventando così disco d'oro e di platino in molti paesi. "What I've Done", il singolo di lancio, è stato anche inserito nella colonna sonora del film Transformers (2007), diretto da Michael Bay.
Attualmente il sito ufficiale del gruppo, dopo essere rimasto chiuso per rimodellamento per il 2006, è stato riaperto con una nuova grafica. Sulla pagina di apertura di linkinpark.com si possono ascoltare alcune tracce tratte dall'album, e il sito è stato ampliato.Il 15 giugno avrebbero dovuto esibirsi a Venezia all'Heineken Jammin' Festival ma, poche ore prima del concerto, sul parco si è abbattuta una violenta tromba d'aria che ha abbattuto le strutture della luce e dell'audio, ferendo circa 25 persone. Tutte le giornate del festival sono state annullate. Tramite il loro sito, i Linkin hanno fatto però sapere di essere stati vicini ai feriti e di essere rimasti dispiaciuti per l'accaduto.
Il 7 luglio 2007 i Linkin Park si sono esibiti a Tokyo, per il concerto a carattere ambientalista Live Earth 7.7.07, promosso dall'ex vicepresidente USA Al Gore. In quella giornata non hanno suonato solo loro a Tokyo, ma altri 150 artisti che si sono presentati nell'arco di una giornata in 7 città diverse, ognuna in un diverso continente. Hanno avuto un grande successo tra i giapponesi, secondo alcuni anche grazie alle origini di Mike Shinoda, di padre giapponese, e a Joseph Hahn, di genitori coreani. Durante il concerto hanno suonato 15 canzoni tra cui "In the End", "One Step Closer", "Numb", "Breaking the Habit", "Faint" ed alcuni brani dall'ultimo album.
Nell'estate 2007 hanno aperto la nuova edizione della Projekt Revolution a cui hanno partecipato My Chemical Romance, Placebo e altri gruppi.
Il 4 settembre 2007 è uscito su MTV il video per il secondo singolo estratto da Minutes to Midnight, ovvero "Bleed It Out", girato ancora da Joseph Hahn. Il video mostra i Linkin che suonano in un locale, dove è simulata una rissa ripresa al contrario.
Il 16 ottobre 2007 è uscito il video per "Shadow of the Day", terzo singolo estratto da Minutes to Midnight. Nel clip si vede Chester Bennington camminare in vie dove sono scoppiati tafferugli con la polizia, in uno scenario simile a quello del video per "From the Inside". Sul sito ufficiale dei Linkin, la pagina principale è stata modificata inserendo questo clip.
Il 1 novembre 2007 sono stati premiati come miglior gruppo dell'anno, agli MTV Europe Music Awards. Durante la premiazione erano ancora in tour e non hanno potuto ricevere di persona il premio, ma in un breve filmato hanno spiegato il motivo dell'assenza ed hanno ringraziato il pubblico per il premio ricevuto.
Il 5 dicembre è stata rilasciata la confezione LPUnderground 7.0, con un cd contenente 10 brani suonati dal vivo all'edizione 2007 del tour Projekt Revolution.
In una recente intervista, il frontman della band Chester Bennington, ha detto che i Linkin Park si sarebbero impegnati a comporre un nuovo album, successore di Minutes to Midnight, in breve tempo, e che nel tour che li vede impegnati in giro per gli Usa, durante il tempo libero avrebbero iniziato a buttare giù qualche idea.
Agli Echo Award 2007 hanno vinto il premio come miglior gruppo.
Il 29 aprile i Linkin Park hanno fatto un singolo (quindi contenente anche il video della canzone) con il rapper Busta Rhymes, intitolato "We Made It". Ora è in onda su canali americani, la rete italiana Rock TV ha acquistato i diritti e il video della canzone sarà mandato in onda a partire dal 15 maggio 2008. Il video è inoltre disponibile su YouTube.
L'ultimo estratto da Minutes to Midnight è "Leave Out All the Rest", il cui video è stato pubblicato a inizio giugno 2008 sul sito del gruppo.
Il 20 giugno 2008 i Linkin Park sono tornati all'Heineken Jammin' Festival di Venezia, per poter intraprendere quel concerto che mai venne eseguito l'anno prima. Questa volta sono stati gli headliner della giornata del festival, e Mike Shinoda ha ricordato lo sfortunato evento del 2007 portando sul palco uno striscione di alcuni fan e tenendolo appeso alla sua tastiera per tutte le 2 ore del concerto. Lo striscione recitava "After the storm here again for LP".
I Linkin Park sono già al lavoro per il nuovo album, il quale dovrebbe uscire nel tardo 2009.
Il 25 novembre uscirà un cd/dvd intitolato Road to Revolution, sul concerto eseguito il 27 giugno a Milton Keynes, in Inghilterra. Il lavoro conterrà 19 delle 22 canzoni eseguite con tanti pezzi di Minutes to Midnight e qualche traccia degli album precedenti come One Step Closer, Numb e In the End. Nel concerto comparirà anche Jay-Z. Chester ha detto che la scelta è ricaduta su quell'esibizione per il grande coinvolgimento del pubblico.

Modifica questa wiki

Non vuoi vedere annunci? Abbonati ora

Collegamenti esterni

API Calls