In ascolto tramite Spotify In ascolto tramite YouTube
Passa al video di YouTube

Caricamento del lettore...

Esegui lo scrobbling da Spotify?

Collega il tuo account Spotify a quello di Last.fm ed esegui lo scrobbling di tutto quello che ascolti, da qualsiasi app di Spotify su qualsiasi dispositivo o piattaforma.

Collega a Spotify

Elimina
Elimina

As your browser speaks English, would you like to change your language to English? Or see other languages.

È disponibile una nuova versione di Last.fm, per assicurarti un funzionamento ottimale ricarica il sito.

Biografia

  • Data di nascita

    13 Ottobre 1927

  • Luogo di nascita

    Chicago, Cook County, Illinois, Stati Uniti

  • Data di morte

    15 Aprile 2020 (età: 92)

Lee Konitz (Chicago, 13 ottobre 1927 – New York, 15 aprile 2020) è stato un sassofonista e compositore statunitense di musica .

Da bambino impara, da autodidatta, a suonare la fisarmonica per poi passare, influenzato da Benny Goodman, al clarinetto. Konitz, allora undicenne, aspira a suonare in qualche orchestrina e capisce che per realizzare il suo sogno è meglio imparare a suonare anche il sassofono tenore. Studia il essenzialmente con Lennie Tristano (uno degli artefici della corrente chiamata ), impronta stilistica che gli resterà per tutta la carriera.

Nel 1943, ormai divenuto musicista professionista, per suonare nell’orchestra di Jerry Wald, prende in mano anche il sassofono contralto. In questa fase la sua evoluzione artistica è fortemente influenzata da Lennie Tristano, il pianista suo concittadino di appena otto anni piú vecchio, di cui diviene allievo fedele.

Le influenze tristaniane sono già evidenti nelle sue prime incisioni del 1947 con l’orchestra di Claude Thornhill. Qui conosce altri due musicisti molto importanti per il suo futuro artistico: Gil Evans e, soprattutto, Miles Davis. Quest’ultimo stava per creare un suo gruppo — conosciuto come Tuba Band — di cui fecero parte, oltre a Davis e Konitz, altri futuri protagonisti della scena jazzistica mondiale quali Gerry Mulligan e Max Roach.

Nel 1952 entra come guest soloist nell’orchestra di Stan Kenton, con la quale realizza In lighter vein, concertino per sax e orchestra scritto e arrangiato da Bill Holman. Nel frattempo continua a collaborare con Tristano (Intuition e Digression, del 1949, sono i primi brani totalmente improvvisati mai incisi — ovvero gli antenati del ), Billy Bauer, Gerry Mulligan, Chet Baker, Sal Mosca e soprattutto il suo alter-ego tenoristico Warne Marsh.

Tipico di Konitz è la costanza con cui ritorna ad esplorare gli stessi standard, trovando sempre qualcosa di nuovo e interessante da dire; un bell’esempio è il disco Motion, realizzato nel 1960 in trio con il batterista Elvin Jones. Subisce spesso il fascino del duetto, a partire da The Lee Konitz duets, con Jones, Eddie Gomez, Jim Hall, Karl Berger, Dick Katz, Joe Henderson, Richie Kamuca, Marshall Brown e Ray Nance. Dagli anni '60 in avanti Lee ha scelto la carriera di solista free-lance, suonando spesso con sconosciute ritmiche locali - a volte di qualità discutibile, e a volte incontrando grandissimi musicisti come Bill Evans, Charles Mingus, Martial Solal, Bob Brookmeyer, Paul Motian, Paul Bley, Albert Mangelsdorff, Lars Gullin, Henri Texier, Charlie Haden, Phil Woods, Art Pepper, Ornette Coleman, Red Rodney, Brad Mehldau, Dave Holland, Kenny Wheeler, Bill Frisell, Michel Petrucciani ed altri.

In Italia ha suonato con Renato Sellani, Stefano Battaglia, Franco Cerri, Enrico Rava, Glauco Venier, Enrico Pieranunzi, Barbara Casini, Franco D'Andrea, Giorgio Azzolini. Nel 2003, ha partecipato alla sedicesima edizione del Barga Jazz Festival, quell'anno dedicata alle sue musiche.

Konitz è morto il 15 aprile 2020 al Lenox Hill Hospital di New York dopo aver contratto il COVID-19.

Modifica questa wiki

Non vuoi vedere annunci? Effettua l'upgrade

Artisti simili

In evidenza

API Calls