In ascolto tramite Spotify In ascolto tramite YouTube
Passa al video di YouTube

Caricamento del lettore...

Esegui lo scrobbling da Spotify?

Collega il tuo account Spotify a quello di Last.fm ed esegui lo scrobbling di tutto quello che ascolti, da qualsiasi app di Spotify su qualsiasi dispositivo o piattaforma.

Collega a Spotify

Elimina

È disponibile una nuova versione di Last.fm, per assicurarti un funzionamento ottimale ricarica il sito.

Biografia

  • Data di nascita

    27 Gennaio 1938

  • Luogo di nascita

    Rome, Roma, Lazio, Italia

  • Data di morte

    9 Dicembre 2017 (età: 79)

Leopoldo Fiorini (Roma, 27 gennaio 1938 – Roma, 9 dicembre 2017) è stato un attore e cantante italiano.

Lando Fiorini nasce a Roma, da una modesta famiglia romana in Trastevere. Ultimo di otto figli, si trova a vivere la difficile situazione economica dell’Italia del dopoguerra ed i genitori decidono di affidare il loro figlio alle amorevoli cure di una semplice famiglia modenese. Cosí vive per circa due anni a Disvedro di Cavezzo. Gli anni della sua infanzia furono decisamente non facili per lui, segnati inesorabilmente anche dalla prematura scomparsa della mamma.

Tornato a Roma fa disparati lavori, quali il barbiere ed il riparatore di biciclette.

Nel 1959 fa il facchino ai Mercati Generali di Roma e qui, tra la gente della sua città, non perde occasione per intonare canzoni melodiose, motivi semplici che alleviano la tristezza del vivere quotidiano. Fu proprio da queste realtà che nasce il suo desiderio di cantare.

Nel 1961, partecipa al Cantagiro e dopo l’affermazione alla kermesse itinerante, interpreta «Rugantino» interpretando il ruolo del cantastorie e del popolano romano. Nel frattempo si susseguono apparizioni alla radio e alla TV. Alla radio, per due anni di fila, è l’animatore de “l’Arciroma”. In televisione parte da “Dizionaretto musicale”, “Il Paroliere questo sconosciuto” e “Ciao Mamma” per approdare all’edizione del 1966 di “Canzonissima”.

Dopo un’apparizione in TV ad “Adesso musica”, con «Chitarra romana», interpreta un film a fianco di Franco Franchi e Ciccio Ingrassia, “Er meno, storia di fifa e di coltello”; parodia di “Er piú” con Adriano Celentano. Interpretando il ruolo di un cantastorie, Verdicchio.

Nel 1972, in compagnia di Tony Ucci, Rod Licary ed Ombretta De Carlo, parte alla volta di Torino per registrare la sua prima serie televisiva in quattro puntate: “Ciao, torno subito”.

Partecipa, poi, ad altre due trasmissioni televisive: “Come quando fuori piove” interpretando la canzone «Cento campane» e ad “Adesso musica” dove, oltre a cantare «Dammelo un bacetto», racconta degli aneddoti e presenta al pubblico il suo ultimo LP appena uscito Roma, ieri e oggi e la partecipazione dopo qualche anno a Canzonissima con la canzone «Cento Campane». Nel 1974 interpreta in televisione, nello spettacolo “Girovacanze” la canzone «Er monno», canzone che ha portato in finale al Disco per l’estate. Prendendo parte, inoltre, a “Canzonissima” nel girone e con la canzone «Er barcarolo romano», seguita da «Pupo biondo» e da «Ponte mollo». Ottiene il maggior numero di voti da parte della giuria nella storia di Canzonissima (300) con «Er barcarolo romano».

Ha cantato anche per la tv. Sua la canzone «Un sogno di marmo» scritta da Stelvio Cipriani, tratta dal film giallo “Il fauno di marmo”.

Conosce Erminio Macario prendendo cosí parte allo spettacolo tv “Macario piú” come “attor giovane”. Lando Fiorini accetta con entusiasmo e parte alla volta di Milano, dove registra due puntate della trasmissione. Partecipa quindi alla “Valigia tutta blu” con Walter Chiari, dove ripropone, con grande successo, «Er barcarolo romano». Registra quindi la sigla musicale di uno sceneggiato radiofonico dal titolo “Paolo Pelliccioni, Brigante”.

Dopo il “Rugantino”, arriva l'esperienza del Cabaret. Costituisce nel cuore di Trastevere, uno dei primi locali di cabaret della Capitale: Il Puff. Dapprima in via Dei Salumi fino all’attuale sede in via Giggi Zanazzo. Nel 2008, lo storico locale compie 40 anni. Per l’occasione, Lando Fiorini ed suoi potano in scena “La risata fa 40” assieme agli attori Camillo Toscano, Loretta Rossi Stuart e Costanza Noci.

Dalla fine degli anni ’90 ad oggi, oltre agli impegni teatrali col Puffdivide la sua vita tra incisioni e apparizioni televisive domenicali. Professionalmente inattivo dal 2003 a causa di una lunga malattia, è morto a Roma la sera del 9 dicembre 2017 a 79 anni.

Modifica questa wiki

Non vuoi vedere annunci? Abbonati ora

Collegamenti esterni

API Calls