In ascolto tramite Spotify In ascolto tramite YouTube
Passa al video di YouTube

Caricamento del lettore...

È disponibile una nuova versione di Last.fm, per assicurarti un funzionamento ottimale ricarica il sito.

Biografia

  • Data di nascita

    24 Agosto 1948 (età: 69)

  • Luogo di nascita

    Lyon, Rhône, Auvergne-Rhône-Alpes, Francia

Jean-Michel André Jarre (Lione, Francia, 24 agosto 1948) è un musicista e compositore francese. Figlio di Maurice Jarre, compositore di colonne sonore per il cinema, e France Pejot, Jarre è considerato uno dei pionieri della Musica elettronica e un innovatore per quanto riguarda l’organizzazione dei suoi concerti dal vivo, caratterizzati da giochi pirotecnici, raggi laser e da una spettacolare scenografia che fa da cornice alla sua musica eseguita spesso con strumenti futuristici, alcuni dei quali di sua ideazione.

Jarre cominciò lo studio del pianoforte all’età di 5 anni. Da adolescente formò un gruppo chiamato Mystere IV. Alla fine degli anni sessanta cominciò a sperimentare dispositivi elettronici e a lavorare con i loop di nastro e, nel 1968, si unì al gruppo Groupe de Recherches Musicales di Pierre Schaeffer, considerato il padre della musica concreta, che avvicinò Jarre all’uso dei sintetizzatori.

A metà degli anni settanta Jarre firmò un contratto discografico con la Polydor. Il suo primo album con la nuova etichetta, Oxygene (1976) , è considerato il suo capolavoro. In contrasto con i lavori di contemporanei come i tedeschi Tangerine Dream, tra gli ideatori della Kosmische Musik, Oxygene è caratterizzato da suoni ampi e melodici avvolti dai phaser ed ebbe un grandissimo successo commerciale. La quarta traccia del disco, Oxygene Part IV, uscita come singolo di lancio, permane uno dei pezzi più conosciuti della musica elettronica di tutti i tempi.

Nell’ottobre del 1981, Jarre fu il primo artista occidentale ad avere l’autorizzazione a tenere un concerto a Pechino (Cina).

Nel 1983, scrisse l’album Musique pour supermarchés (Musica per supermarket) che ebbe una tiratura di soltanto una copia. L’album fu composto da Jarre per esprimere il suo disgusto verso il mercato musicale. Distrusse tutte le registrazioni originali ma permise ad una radio (Radio Luxembourg) di trasmetterlo una volta prima di metterlo all’asta. Qualcuno rimise insieme l’album utilizzando le registrazioni su nastro fatte durante l’unica trasmissione radio, ma la qualità risultò molto scarsa anche perché la stazione radio trasmetteva in AM. Alcuni pezzi furono rielaborati ed inseriti in lavori successivi.

Nel 1986, la NASA e la città di Houston, chiesero al musicista di tenere un concerto per celebrare il 25° anniversario della NASA ed il 150° anniversario della città di Houston. Durante il concerto, l’astronauta Ronald McNair avrebbe dovuto suonare il sassofono nel brano Rendez-Vous VI in orbita sullo Space Shuttle Challenger. Avrebbe dovuto essere il primo brano eseguito dallo spazio. Purtroppo il disastro del Challenger, dove trovò la morte lo stesso McNair, vanificò il progetto. Il brano fu registrato con un altro sassofonista e reintitolato Ron’s piece (Il pezzo di Ron), l’album dedicato ai sette astronauti scomparsi nell’incidente. Il concerto di Houston fece registrare un nuovo record nel Guinness dei primati per la presenza di oltre 1,5 milioni di persone e fu caratterizzato da grandissime immagini proiettate e raggi laser diretti sugli edifici del centro di Houston, incluso uno schermo bianco gigante sulla facciata del Texaco Heritage Plaza, che era in costruzione.

Nel 1988 Jarre, assieme ad altri musicisti come Hank Marvin, leggendario chitarrista dei The Shadows, tenne un concerto intitolato Destination Docklands, di fronte al complesso industriale East End Docklands di Londra.

Il 14 luglio 1990 Jean Michel polverizzò il suo stesso record con un concerto tenuto a La Defense, Parigi a cui assistettero 2,5 milioni di persone.

Il 6 settembre 1997 Jarre suonò a Mosca durante le celebrazioni del 850° anniversario della città. La facciata dell’Università statale di Mosca fu utilizzata come sfondo per la proiezione di spettacolari immagini, fuochi artificiali e giochi di luce alla presenza di 3,5 milioni di persone, un altro impressionate record tuttora imbattuto.

Nel 1999 offerse uno straordinario spettacolo di musica e luci nel deserto egiziano, vicino a Giza, intitolato The 12 Dreams of the Sun (I 12 sogni del sole). L’evento celebrò il nuovo millennio ed i 5000 anni della Civiltà egizia oltre ad offrire l’anteprima dell’album Metamorphoses.

Nel 2001 Jarre tenne un concerto in collaborazione con Arthur C. Clarke e Tetsuya Komuro nelle spiagge di Okinawa, per celebrare il reale inizio del nuovo millennio. Il concerto fu intitolato Rendez-vous in Space ed il gruppo chiamato The ViZitors. Nello stesso anno suonò anche all’Acropoli di Atene.

Il 10 ottobre 2004 tenne un grande concerto nella Città Proibita ed in Piazza Tiananmen, che fu trasmesso da diverse TV satellitari con audio 5.1.

Il 26 agosto 2005 ha celebrato il 25° anniversario di Solidarnosc con un concerto a Gdańsk, Polonia.

Il 10 settembre 2005 ha suonato al LinX Live Show per l’apertura ufficiale dell’Eurocam Media Centre a Lint, Belgio.

Il 16 dicembre 2006 ha tenuto il concerto “Water for life” nei pressi delle dune di Merzouga in Marocco per celebrare la fine dell’anno dedicato ai deserti e a alla desertificazione promosso dalle Nazioni Unite, e supportare la campagna 2005-2015 indetta dall’UNESCO a favore della tutela delle risorse idriche.

Il 26 marzo 2007 Jarre pubblica il nuovo album “Teo&Tea”, eseguito interamente con strumentazione digitale, ispirato al mondo del web e al tema degli incontri amorosi attraverso le chat, nei club e nelle discoteche. Nonostante una massiccia campagna promozionale condotta sulla rete attraverso concorsi per remix e lancio di video su Youtube, uno showcase allestito il 29 marzo 2007 negli studi dell’Alfacam, l’accoglienza di critica e pubblico è così negativa da costringere alla cancellazione di quasi tutti gli showcases previsti in Europa.

Anche il concerto di Jarre previsto per il 26 luglio 2007 ad Albanella in provincia di Salerno, ad apertura del primo Powerstock Festival, verrà cancellato una settimana prima, per motivi non del tutto chiari.

Il 19 settembre 2007 Jarre tiene un concerto a sorpresa senza pubblico negli studi dell’Alfacam. In occasione dei 30 anni di Oxygene vengono recuperati tutti i sintetizzatori analogici utlizzati nel 1976 e, insieme a Francis Rimbert, Dominique Perrier e Claude Samard, vengono suonate dal vivo tutte le sei parti dell’album. Il concerto viene filmato in 3D in previsione di una sua pubblicazione su DVD entro la fine del 2007.

Discografia

Studio albums
Deserted Palace (1972)
Les Granges Brûlées (1973)
Oxygene (1976 in Francia, 1977 resto del mondo)
Equinoxe (1978)
Magnetic Fields (Les Chants Magnétiques) (1981)
Zoolook (1984)
Rendez-Vous (1986)
Revolutions (1988)
Waiting for Cousteau (En Attendant Cousteau) (1990)
Chronologie (1993)
Oxygene 7-13 (1997)
Metamorphoses (2000)
Sessions 2000 (2002)
Geometry of Love (2003)
Aero (2004)
Téo & Tèa (2007)

Album dal vivo

The Concerts in China (Les Concerts En Chine) (1982)
In Concert Houston-Lyon (1987, 1997 reintitolato Cities In Concert Houston-Lyon)
Live (1989, 1997 reintitolato Destination Docklands)
Hong Kong (1994)
Live From Gdańsk - (Koncert w Stoczni) (2005, uscito solo nell’europa dell’est)

Remix

Jarremix (1995)
Odyssey Through O2 (1998)
Compilations
Musik aus Zeit und Raum (1983)
The Essential Jean Michel Jarre (1983)
Synthesis (1983, pubblicato solo in Italia)
The Essential 1976-1986 (1985)
The Laser Years (Les Années Laser) (1989, 9 CD)
Images – The Best of Jean Michel Jarre (1991)
L’Intégrale (1992, 10 CD box)
The Complete Oxygene (1998, 2 CD contenenti Oxygene ed Oxygene 7-13 con una traccia inedita)
The Essential (2004)

Video

Place de la Concorde (1980, VHS)
The China Concerts (1989, VHS)
Rendez-vous Houston: A City in Concert (1989, VHS)
Rendez-vous Lyon (1989, VHS)
Destination Docklands (1989, VHS)
Images: The Best of Jean Michel Jarre (1991, VHS)
Paris La Defense (1992, VHS)
Europe in Concert (1994, VHS)
Concert Pour La Tolerance (1995, Laserdisc)
Oxygen in Moscow (1997, DVD /VHS, solo Negli Stati Unitied in Brasile)
Paris Live: Rendez-vous 98 Electronic Night (1998, VHS, solo in Giappone)
Live in Beijing (2004, DVD, solo in Francia in France)
Jarre in China (2005, DVD, Concerto completo + special)
Jean-Michel Jarre: Solidarnosc Live (2005, DVD)

Concerti

Concerti principali
1979 - Place de la Concorde (Parigi, Francia).
1981 - The Concerts in China (Pechino/Shanghai, Cina).
1986 - Rendez-vous Houston (Houston, USA).
1986 - Rendez-vous Lyon (Lione, Francia).
1988 - Destination Docklands (Londra, UK).
1990 - Paris la Defense (Parigi, Francia).
1992 - Swatch the World (Zermatt, Svizzera).
1992 - Legends of the Lost City (Sudafrica).
1993 - Europe in Concert (Diverse città europee).
1994 - Hong Kong (Hong Kong).
1995 - Concert Pour la Tolerance (Parigi, Francia).
1997 - The Oxygene Tour (Diverse città europee).
1997 - Oxygen in Moscow (Mosca, Russia).
1998 - Nuit Electronique (Parigi, Francia).
1998 - Jarre@apple Expo.
1999 - The Twelve Dreams of the Sun (Giza, Egitto).
2000 - Metamorphoses Showcase.
2001 - Rendez-vous in Space (Okinawa, Giappone).
2001 - Hymn to the Akropolis (Atene, Grecia).
2002 - Le Printemps de Bourges (Bourges, Francia).
2002 - Aero (Aalborg, Danimarca).
2004 - Live at Beijing (Pechino, Cina).
2005 - Salle Des Etoiles (Monte-Carlo, Monaco).
2005 - Space of Freedom (Gdansk, Polonia).

Altre Performances

1971 - AOR (Parigi, Francia)
1989 - Destination Trocadero (Parigi, Francia)
1994 - Jarre Unplugged (Parigi, Francia)
1995 - Festa Italiana (Torino, Italia)
1995 - UNESCO 50th Anniversary (Parigi, Francia)
1997 - Wetten Das (Vienna, Austria)
1998 - Fifa World Player 97 (Disneyland Paris, Francia)
1998 - France Festival (Tokyo, Giappone)
1998 - FNAC Paris (Parigi, Francia)
2005 - Once upon a time (Copenaghen, Danimarca).
2005 - LinX (Lint, Belgio)

Strumenti
Durante I suoi concerti Jarre utilizza diversi strumenti particolarissimi. Ecco alcuni di questi:

Il theremin, il primo strumento elettronico.
L’arpa laser.
Il Cristal Baschet.
Il digisequencer e il matrisequencer, sequencers elettronici progettati e costruiti da Michel Geiss.
La LAG Circulaire, Magic Keyboard e alter tastiere (di forma semicircolare) fatte da LAG

Modifica questa wiki

Non vuoi vedere annunci? Abbonati ora

Collegamenti esterni

API Calls