È disponibile una nuova versione di Last.fm, per assicurarti un funzionamento ottimale ricarica il sito.

Biografia

  • Data di nascita

    31 Luglio 1963 (età: 54)

  • Luogo di nascita

    Bromley, London, England, Regno Unito

Fatboy Slim (all'anagrafe Quentin Leo Cook, nato a Bromley il 16 luglio 1963) conosciuto anche come Norman Cook è un DJ e produttore britannico. il suo stile è conosciuto come big beat, una combinazione di hip hop, breakbeat, rock e R&B.

Dopo essere cresciuto a Redhill, si trasferisce a Brighton per frequentare il college. Inizia a lavorare come DJ e poco tempo dopo si sposta a Hull per suonare il basso nella band degli Housemartins. Dopo il tour con Billy Bragg, il gruppo ottiene un contratto con l'etichetta Go! Discs. Il primo singolo prodotto è Flag Day che ottiene un discreto successo, seguito dal brano Sheep. Il terzo singolo è Happy Hour, che non ottiene il successo dei precedenti due.

L'album London 0 Hull 4 si scala la top 10. con il singolo Caravan Of Love (una cover degli Isley Brothers) il gruppo raggiunge il primo posto. Il secondo album è The People Who Grinned Themselves To Death, che segna anche il termine del progetto.

Norman torna a Brixton e riprende la carriera di DJ. Lavora ad un mix del celebre I Got Your Soul di Eric B e Rakim, per poi formare il collettivo di artisti Beats International. Nel 1989 realizzano il singolo Dub Be Good To Me che arriva in prima posizione. L'LP del gruppo è Let Them Eat Bingo, seguito nel 1991 da Excursion On The Version. Norman divorzia dalla moglie e per due anni non produce niente.

Ashley Slater, vocalist dei Microgroove, collabora con i Beats International al loro secondo album. Forti sono anche i suoi interessi nel Funk, il nostro diventa animatore del gruppo Freak Power, il singolo di quest'ultimi Turn On, Tune In, Cop Out si piazza ai primi posti delle classifiche e viene utilizzato dalla Levi's per una campagna pubblicitaria. Nel 1995, sotto lo pseudonimo di Pizzaman, Norman realizza un album in cui spiccano i singoli Sex On The Streets e Happiness. Norman e Slater, nel 1996, pubblicano l'album More Of Everything…For Everybody. Poco tempo dopo Norman registra brani sotto vari nomi d'arte: Mighty Dub Kats, Fried Funk Food.

Con Damien Harris fonda la Skint Records, e cambia il proprio nome in Fatboy Slim. Nel 1996 arriva l'album Better Living Through Chemistry riferito ad uno slogan statunitense degli anni 1950, sull'importanza del Valium come calmante per i bambini iperattivi. Evidente il riferimento alla chimica e ai Chemical Brothers, gruppo che lo ha convinto a realizzare l'album. Durante questo periodo suona come DJ in club londinesi come il Big Kahuna Burger o il Sunday Social, che passano il suo singolo Santa Cruz.

Con gli amici Damien e G Money fonda il Big Beat Boutique, club a Brighton, in cui svolge il ruolo di DJ resident. L'etichetta Caroline/Astralwerks promuove i suoi progetti negli Stati Uniti. Come Mighty Dub Kats pubblica Magic Carpet Ride (1997), seguito da NoWay (1998). Remixa brani per Cornershop, Beastie Boys, Wildchild e Fluke, per poi iniziare a lavorare all'album You've Come A Long Way, Baby, titolo tratto da uno slogan delle sigarette Virginia Slims. Il primo singolo è The Rockafeller Skank, tormentone dell'estate 1998 e colonna sonora del videogame FIFA 99, nonchè incluso in giochi meno famosi sotto forma della recente "El Bebe Masoquista",remix dello stesso Cook incluso nel Greatest Hits (Why Try Harder) del 2006. Seguono Gangster Trippin' e Praise you. Il terzo singolo è Right Here, Right Now, che riscuote un enorme successo a livello internazionale. Il 6 luglio 2001, Slim tiene un concerto sulla spaggia di Brighton davanti a 40.000 persone. L'anno seguente ripete l'evento di fronte a 250.000 spettatori, in quest'ultimo liveshow muoiono due persone, e Fatboy ripete l'evento soltanto un'altra volta nel 2004. Lo stesso anno esce Palookaville, LP preceduto dal singolo Push The Tempo, da cui viene tratto anche il brano Slash Dot Dash.

Modifica questa wiki

Non vuoi vedere annunci? Abbonati ora

Collegamenti esterni

API Calls