In ascolto tramite Spotify In ascolto tramite YouTube
Passa al video di YouTube

Caricamento del lettore...

Esegui lo scrobbling da Spotify?

Collega il tuo account Spotify a quello di Last.fm ed esegui lo scrobbling di tutto quello che ascolti, da qualsiasi app di Spotify su qualsiasi dispositivo o piattaforma.

Collega a Spotify

Elimina

È disponibile una nuova versione di Last.fm, per assicurarti un funzionamento ottimale ricarica il sito.

Biografia

  • Data di nascita

    8 Gennaio 1952

  • Luogo di nascita

    Rome, Roma, Lazio, Italia

  • Data di morte

    21 Febbraio 2017 (età: 65)

Enzo Carella (Roma, 8 gennaio 1952 – Roma, 21 febbraio 2017) è stato un cantautore italiano.

Biografia
Scoperto da Vincenzo Micocci, il suo primo 45 giri viene pubblicato dalla IT nel 1976, con distribuzione RCA Italiana, ed è "Fosse vero", un brano scritto assieme a Pasquale Panella, autore, anche in seguito, di tutti i testi di Carella; l'anno successivo pubblica il suo primo album "Vocazione", da cui viene tratto un secondo 45 giri, Malamore, canzone che riscuote un certo successo radiofonico.

Partecipa al Festival di Sanremo 1979 classificandosi secondo con il brano "Barbara". Esce anche il 2° album dal titolo "Barbara e altri Carella".

I brani inseriti sui lati B di "Barbara" e "Fosse vero", ossia "Veleno" e "Si rivede ragazza" non sono stati riproposti in nessun lp della produzione dell'artista.

Il terzo 33 giri, Sfinge, sancisce il canonico passaggio alla RCA Italiana, ed è arrangiato da Elio D'Anna, flautista degli Osanna.

Dopo questo disco Carella abbandona per qualche anno l'attività discografica; tornerà ad incidere solo nel 1992 con l'album Carella de Carellis, che presenta brani inediti sulla facciata A e pezzi di successo, provenienti dalle produzioni precedenti, sul lato B.

Segue tre anni dopo "Se non cantassi sarei nessuno: l'Odissea di Carella e Panella" (1995) concept album nel quale viene raffigurato in chiave moderna il percorso di Ulisse; molto note anche "La pappa del cuore", "L'occhio nero" e "Aspetta e S.p.A." (1992).

Nel 2007 è tornato con "Ahoh-yé-nanà" preceduto dal singolo "Oggi non è domani". Anche per questo disco, che comprende 11 nuovi brani, la firma dei testi è affidata a Pasquale Panella. "Ahoh-yé-nanà" è un album che va ascoltato con attenzione per poter cogliere tutta la gamma cromatica di una musicalità solare che spazia dal cantautorato a influenze black e latine.

Enzo Carella ha partecipato, in qualità di ospite, alla serata finale del Festival "Musicultura" di Macerata del 24 giugno 2007

Discografia
LP/CD
1977 - Vocazione (IT, ZPLT 34017)
1979 - Barbara e altri Carella (IT, ZPLT 34065)
1981 - Sfinge (RCA Italiana, PL 31600)
1992 - Carella de Carellis (IT)
1995 - Se non cantassi sarei nessuno (L'Odissea di Panella e Carella)
2004 - Enzo Carella (BMG Ricordi Flashback, raccolta, 2cd)
2007 - Ahoh Yé Nanà (Sony BMG)

45 giri/singoli
1976 - Fosse vero/Si rivede ragazza (IT, ZT 7066)
1977 - Malamore/L'anima pagliacciona (IT, ZBT 7077)
1978 - Amara/Carmè (IT, ZBT 7094)
1979 - Barbara/Veleno (IT, ZBT 7127)
1981 - Sfinge/Si, si può
1993 - La miseria/Partire (cd single)
2007 - Oggi non è domani (cd single)

Bibliografia
Autori Vari (a cura di Gino Castaldo), Il dizionario della canzone italiana, editore Armando Curcio (1990); alla voce Carella Enzo, di Lalla Cantore, pag. 294

"Enzo Carella." Wikipedia, L'enciclopedia libera. 20 lug 2008, 20:04 UTC. 6 set 2008, 09:27 <http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Enzo_Carella&oldid=17553243>;.

Modifica questa wiki

Non vuoi vedere annunci? Abbonati ora

API Calls