In ascolto tramite Spotify In ascolto tramite YouTube
Passa al video di YouTube

Caricamento del lettore...

Esegui lo scrobbling da Spotify?

Collega il tuo account Spotify a quello di Last.fm ed esegui lo scrobbling di tutto quello che ascolti, da qualsiasi app di Spotify su qualsiasi dispositivo o piattaforma.

Collega a Spotify

Elimina

È disponibile una nuova versione di Last.fm, per assicurarti un funzionamento ottimale ricarica il sito.

Wiki

BLINDUR è il nome del duo composto da Massimo De Vita e Michelangelo Bencivenga
ed è anche il titolo del loro primo intenso disco: una scelta, come quella della
registrazione dal vivo in presa diretta, per fare del proprio entusiasmo e della propria
sincerità un biglietto da visita.
BLINDUR arriva dopo oltre 150 concerti (in Italia, Belgio, Islanda, Francia, Germania
e Irlanda), la collaborazione con Birgir Birgisson, storico fonico e produttore di Sigur
Ros, e sette premi, tra cui il Premio Pierangelo Bertoli 2015, il Premio De André 2015, il
Premio Buscaglione 2016 e il Premio Tempesta Dischi “Sotto il cielo di Fred”.
Il disco dei Blindur racchiude sonorità folk, elettroniche e post rock, parole dense di
significato: c’è il viaggio, la notte, l’estate che brucia, le cicatrici del passato e la positiva
violenza del presente. Rappresenta quanto di più bello è emerso nel duo, in quasi tre anni
di collaborazione artistica e lavoro, e undici anni d’amicizia autentica.
La grafica è totalmente costruita sull’idea della luce, nella sua forma più eclatante. Un
modo per dire che la cecità non è obbligatoriamente una forma di buio, ma un possibile
modo diverso d’intendere la luce. Così, l’aurora boreale, vera scenografia del progetto,
non compare mai direttamente, ma si intravede nella parola scritta in copertina:
“Blindur” in alfabeto Braille, scegliendo così la strada dei suoni, della parola e delle
sensazioni per manifestarsi a pieno.
Una metafora e un sound perfetti per un duo che ha scelto il proprio nome dopo
l’incontro con Jònsi, voce e chitarra dei Sigur Ros: essendo lui stesso cieco da un occhio,
notò con tale affetto la cecità di Massimo da portare il duo a cercare la traduzione
islandese della parola “cieco”, appunto “blindur”.

Tutte le canzoni sono state scritte da Massimo De Vita, tranne la traccia n.7 scritta da Carola Moccia e Massimo De Vita.
Produzione Artistica: Massimo De Vita e Michelangelo Bencivenga.
Registrato dal vivo presso “Gli Artigiani Studio” (Roma) da Jex Sagristano e Maurizio Loffredo; “Le Nuvole Studio” (Cardito - Napoli) da Michelangelo Bencivenga, Massimo De
Vita e Rosario Fiorenzano.
Mix: Birgir Jòn Birgisson presso il “Sundlaugin Studio” (Mosfellsbær - Reykjavik); Paolo Alberta presso il “Wander Studio” (Arezzo).
Mastering: Birgir Jòn Birgisson presso il “Sundlaugin Studio” (Mosfellsbær - Reykjavik);
Progetto grafico e foto: Linda Russomanno.
Blindur sono: Massimo De Vita voce, chitarra acustica, grancassa, synth, loops, armonica, basso, organo farfisa, percussioni addizionali e Michelangelo “Micki” Bencivenga cori, banjo, chitarra elettrica, rullante, tambourine, piatti, glockenspiel.
Inoltre hanno suonato: Bruno Bavota (Pianoforte) e Maurizio Loffredo (Lapsteel Guitar) entrambi nella traccia 9.

Modifica questa wiki

Non vuoi vedere annunci? Abbonati ora

API Calls