In ascolto tramite Spotify In ascolto tramite YouTube
Passa al video di YouTube

Caricamento del lettore...

Esegui lo scrobbling da Spotify?

Collega il tuo account Spotify a quello di Last.fm ed esegui lo scrobbling di tutto quello che ascolti, da qualsiasi app di Spotify su qualsiasi dispositivo o piattaforma.

Collega a Spotify

Elimina

È disponibile una nuova versione di Last.fm, per assicurarti un funzionamento ottimale ricarica il sito.

Biografia

I Blind Ambition nascono a Trieste nella primavera del 1989; la formazione originale comprende Massimo “Max” Goina (batteria), Marco “Mac” Dorsini (basso e voce) e Riccardo Rossi (chitarra), ma quasi subito Marco passa alla chitarra ed entra nel gruppo Luca “Kozzo” Cozzolino (basso).
Il repertorio è basato su covers (Motorhead, Judas Priest, Saxon, Tigers Of Pan Tang) e composizioni originali. Nell’autunno del 1989 queste ultime vengono inserite nel primo demo autoprodotto del gruppo, che viene distribuito alle radio locali.

Nella primavera del 1990 divergenze provocano l’uscita del gruppo di Riccardo che viene sostituito da Marco Pizzioli (chitarra); inoltre le parti vocali passano a Daniele Carbonini (voce); questa formazione partecipa alla manifestazione “Musicanta ‘90” nel Castello di San Giusto a Trieste davanti ad un folto pubblico.

Subito però si percepiscono problemi di coesione con i nuovi arrivati che lasciano il gruppo; Marco torna alla voce, viene inserito Stefano “Iapo” Russo (chitarra) ed i due si dividono le parti soliste.
Nell’inverno 1990/91 autoproducono il secondo demo di canzoni originali e si esibiscono in due concerti nel Teatro di Via dei Fabbri a Trieste come headliners.

Dal vivo Marco trova difficoltà a cantare e suonare contemporaneamente e quindi viene reclutato Giuliano Caroli (voce); nella primavera del 1991 partecipano a “Protagonisti in Discoteca ‘91” che, proprio grazie alla spinta dei loro numerosi fans, viene per la prima volta aperta ai gruppi metal con esibizioni dal vivo.

Purtroppo Giuliano ha problemi alla gola ed abbandona quasi subito il gruppo e le parti vocali tornano a Marco; con la formazione “storica” vengono invitati come ospiti ad una trasmissione radiofonica di Radio Fragola.
Nel giugno del 1991 organizzano un concerto nell’Oratorio di Via San Cilino a Trieste, rimasto “famoso” per l’interruzione dell’energia elettrica causata dal parroco per il volume troppo alto della musica.
Il 20 luglio 1991 partecipano a “Musicanta ‘91” dove, essendo bandite le canzoni non in italiano, per l’occasione si presentano polemicamente col nome di Ambizione Cieca, presentando una canzone tradotta in italiano ed un pezzo strumentale, ottenendo ottime recensioni sui quotidiani locali.
L’8 agosto 1991 suonano nel boschetto di fronte al Ferdinandeo di Trieste nell’ambito di una serie di concerti organizzati dall’associazione A.NA.GRU.M.BA.

Risolti i problemi alla voce ritorna Giuliano Caroli; il 4 settembre 1991 partecipano alla manifestazione “Hit Music ‘91” davanti ad oltre 1000 spettatori e con la canzone “Desert Storm” vincono il premio Yako De Bonis come miglior metal band (succedendo a gruppi del calibro dei Foxy Lady di Arturo Falcone).
Sulla scia dell’entusiasmo viene inserito Luciano Vian (chitarra) e con tre chitarristi solisti il 12 ottobre 1991 si partecipano al festival “Metal Invasion II” al Teatro Verdi di Muggia.

Questa formazione così numerosa crea alcuni attriti e Giuliano e Luciano lasciano il gruppo.
Di nuovo in quattro nell’inverno 91/92 registrano “Live In The Land Of Nowhere”, finto live dove Marco in un brano suona anche le tastiere e Stefano canta la cover dei Metallica “For Whom The Bell Tolls”.
Il 22 marzo 1992 partecipano alla manifestazione “Emergenza Rock – Speciale Heavy Metal” al Teatro Miela di Trieste organizzato dall’A.NA.GRU.M.BA., dove viene presentata una scaletta ricca di buone canzoni autoprodotte, ma a causa della poca promozione il pubblico non è numeroso.

Nell’estate del 1992 il gruppo ambirebbe a presentarsi fuori dall’ambito locale per ricercare un contratto discografico, ma Marco fa presente le proprie difficoltà dovute agli impegni lavorativi e familiari; di comune accordo lascia il gruppo, pur continuando a collaborare, e viene sostituito da Federico Lonza (voce) e Igor Lainè (chitarra).
Lo stile vira verso il trash metal ed il gruppo il 24 ottobre 1992 partecipa al festival “Metal Invasion III” al Teatro Verdi di Muggia, fornendo una prova aggressiva e potente.
Il 14 novembre 1992 suonano per la prima volta in Croazia (con Marco al mixer).
Il 23 dicembre 1992 si esibiscono al Teatro Miela di Trieste nel concerto di beneficenza per il comitato “Dai ruote alla pace”.
All’inizio del 1993 registrano, con l’aiuto di Silver Bassi (Steel Crown, Foxy Lady) come tecnico audio, il demo “Crash In The Darkness” (in una canzone Marco suona un assolo di chitarra).
Il fatto che sia Federico che Massimo abbiano progetti paralleli porta zizzania nel gruppo, che si scioglie dopo quattro anni durante i quali si è distinto per l’originalità delle proprie canzoni e la potenza del suono.

Modifica questa wiki

Non vuoi vedere annunci? Abbonati ora

API Calls