In ascolto tramite Spotify In ascolto tramite YouTube
Passa al video di YouTube

Caricamento del lettore...

Esegui lo scrobbling da Spotify?

Collega il tuo account Spotify a quello di Last.fm ed esegui lo scrobbling di tutto quello che ascolti, da qualsiasi app di Spotify su qualsiasi dispositivo o piattaforma.

Collega a Spotify

Elimina

È disponibile una nuova versione di Last.fm, per assicurarti un funzionamento ottimale ricarica il sito.

Wiki

Never Say Die! è il titolo dell'ottavo studio album dei Black Sabbath, l'ultimo in cui compare Ozzy Osbourne alla voce, uscito nell'ottobre del 1978 su etichetta Castle.

Prima che quest'album venisse registrato, nel 1977, Ozzy Osbourne lasciò i Black Sabbath e fu sostituito da Dave Walker (ex Savoy Brown, Fleetwood Mac). Con questa nuova formazione il gruppo cominciò a comporre alcuni brani che sarebbero poi stati inclusi nell'album (tra cui Junior's Eyes, che sarà proposta, con un testo diverso da quella definitiva, durante una apparizione nel programma televisivo della BBC Look Hear! il 6 gennaio del 1978).
Nel gennaio del 1978 Osbourne rientrò nei Black Sabbath, favorendo il licenziamento di Walker. Il cantante tuttavia si rifiutò di cantare le canzoni scritte con Walker obbligando quindi il resto del gruppo a riscrivere i testi di diverse canzoni, tra cui la stessa Junior's Eyes, il cui testo sarà riscritto in memoria della allora recente scomparsa del padre di Osbourne.
Voci non confermate ufficialmente dalla band affermano inoltre che canzoni come Breakout e Swinging the Chain furono registrate quando Walker era nella band, motivo per cui Ozzy non canta in nessuna delle due: la prima canzone è una traccia completamente strumentale, mentre la seconda è cantata dal batterista Bill Ward.
L'album, per quanto riguarda lo stile musicale, seguirà la scia del precedente Technical Ecstasy, data la massiccia presenza di sonorità sperimentali (Don Airey suona le tastiere, mentre nel brano strumentale Breakout sono presenti degli arrangiamenti di fiati curati da Will Malone) lontane da quelle dei primi album. La tiepida risposta del pubblico e la situazione di incertezza creativa in cui il disco fù realizzato, contribuirono allo scarso successo dell'album considerato spesso dai fans uo dei punti più bassi dell'intera discografia dei Black Sabbath.

Modifica questa wiki

Non vuoi vedere annunci? Abbonati ora

API Calls