È disponibile una nuova versione di Last.fm, per assicurarti un funzionamento ottimale ricarica il sito.

Biografia

  • Anni di attività

    1969 – oggi (48 anni)

Tra i gruppi inglesi meno celebrati, seppure apprezzati dalla critica più attenta, i londinesi Audience incidono il primo album omonimo già nel 1969. Solo con i successivi però si guadagnano una certa considerazione. La band è un quartetto atipico, senza tastiere, nel quale spiccano i fiati di Keith Gemmel (sax, clarinetto e flauto) e la vibrante voce solista di Howard Werth, impegnato anche alle chitarre: con loro sono Trevor Williams(basso) e Tony Connor (batteria). Passati alla Charisma, celebre etichetta del progressive inglese, gli Audience incidono i più maturi "Friends friends friend"(1970) e quindi "The house on the hill"(1971), che può considerarsi il loro miglior prodotto. In una scaletta ricca e articolata, si segnalano splendide ballate dalle venature blues che esaltano il canto solista ("I had a dream" e la cover "I put a spell on you", da Screamin' Jay Hawkins), sofisticati intermezzi strumentali per chitarra classica come "Raviolé" (con l'ausilio d'una sezione d'archi) o l'intrigante "Eye to eye", col flauto di Gemmel in primo piano, oltre a un paio di brani più lunghi che confermano la buona personalità dei quattro. In "Jackdaw", posto in apertura, i cambi di tempo, la bella voce di Werth e le brillanti divagazioni fiatistiche danno la misura del versatile talento di questa formazione, ribadito anche dalla title-track. Un piccolo gioiello che porta gli Audience a compiere una tournée di gran successo negli States. Subito dopo però, in disaccordo con gli altri membri, Gemmel abbandona, rilevato da Nick Judd in "Lunch"(1972). E' proprio questo l'ultimo atto ufficiale della band inglese.

Gli Audience nacquero nel 1969 dalle ceneri di una soul band semi-professionale chiamata Lloyd Alexander Real Estate che comprendeva tutti i membri dei futuri Audience con l'eccezione di Connor, che entrò nel gruppo dopo la partenza di John Richardson. Dopo qualche settimana di prove, gli Audience avevano già firmato un contratto di incisione con la Polydor, con la quale registrarono il loro primo album Audience. Alla fine dell'anno, l'album era già acclamato dal pubblico e dalla critica. Il gruppo fu notato da Tony Stratton-Smith, Direttore della Charisma Records che li prese come gruppo di spalla al tour dei Led Zeppelin, associandoli alla sua etichetta. Gli Audience registrarono tre album per la Charisma: il primo album Friends Friends Friends fu interamente curato dal gruppo, sia per l'incisione che per la grafica di copertina. Per gli altri due si avvalsero del celebre produttore Gus Dudgeon, che per i successivi House on the Hill e Lunch volle far curare i disegni di copertina dall'altrettanto celebre studio di design Hipgnosis. Seguirono tre anni di di continuo lavoro con un buon successo: tuttavia un tour americano con Rod Stewart e The Faces, anche se riuscito, portò alcuni problemi che provocarono la fuoriuscita di Gemmell dal gruppo prima di terminare l'album "Lunch", che fu completato con la collaborazione dei Rolling Stones e dei Mad Dogs and Englishmen. A seguito della defezione di Gemmel la band arruolò due nuovi elementi: Pat Charles Neuberg al sassofono e Nick Judd al pianoforte elettrico.

La nuova formazione non funzionò e Williams, l'autore di quasi tutti i testi, se ne andò otto mesi più tardi. Quando Nick Judd ricevette un'offerta dai Juicy Lucy la band si sfasciò. Judd se ne andò, unendosi successivamente ad Alan Bown, The Andy Fraser Band, Brian Eno, Frankie Miller e gli Sharks. Keith Gemmell si unì da principio agli Stackridge, poi si occupò di colonne sonore e infine si unì alla Pasadena Roof Orchestra, dove suonò per quattordici anni. Trevor Williams si unì ai Nashville Teens, che lasciò dopo poco. Tony Connor, dopo una parentesi con gli Jackson Heights,si unì agli Hot Chocolate, con cui è rimasto.

Nel 2004 Howard Werth, Keith Gemmell e Trevor Williams ritornarono sulle scene, sostituendo Tony Connor con il batterista e vocalist John Fisher, tenendo dei concerti in Germania, Italia, Canada e Regno Unito e registrando un album dal vivo per la Electric Record dal titolo Alive&kickin'&screamin'&shoutin' . Durante questo periodo Gemmell registrò due album da solo, "The Windhover", inspirato ad un poema di Gerard Manley Hopkins e "Unsafe Sax".

Gli Audience stanno attualmente considerando il loro futuro a seguito della morte di John Fisher, avvenuta il 27 settembre 2008 a causa di un tumore al pancreas.

Discografia

* 1969 Audience (Polydor)
* 1970 Friends friends friends (Charisma)
* 1971 House on the hill (Charisma)
* 1972 Lunch (Charisma)
* 2005 Alive&kickin'&screamin'&shoutin (Eclectic Discs)

Sito ufficiale: http://www.audienceareback.com/

Fansite: http://www.audiencefansite.co.uk/

http://www.progarchives.com/artist.asp?id=1121

Modifica questa wiki

Non vuoi vedere annunci? Abbonati ora

API Calls