In ascolto tramite Spotify In ascolto tramite YouTube
Passa al video di YouTube

Caricamento del lettore...

Esegui lo scrobbling da Spotify?

Collega il tuo account Spotify a quello di Last.fm ed esegui lo scrobbling di tutto quello che ascolti, da qualsiasi app di Spotify su qualsiasi dispositivo o piattaforma.

Collega a Spotify

Elimina

È disponibile una nuova versione di Last.fm, per assicurarti un funzionamento ottimale ricarica il sito.

Biografia

Anouar Brahem (arabo أنور براهم; Tunisi, 20 ottobre 1957) è un musicista e compositore tunisino, suonatore di oud (liuto medio orientale).

Biografia

Rivolta in maniera particolare al pubblico appassionato di jazz e di world music, la sua musica mescola la musica classica araba, motivi folk e jazz per creare un impasto caratteristico. Ha iniziato a registrare nel 1991, dopo aver raggiunto la notorietà nazionale nei primi anni ottanta.
Brahem iniziò gli studi a 10 anni con Ali Sitri al Conservatorio nazionale di Tunisi. Nel 1987, dopo aver trascorso sei anni a Parigi, divenne direttore, per due anni, della Ensemble musicale de la ville de Tunis. L'editrice ECM pubblicò il suo primo album (oltre ad una cassetta musicale autoprodotta in gioventù) nel 1991, sotto il titolo Barzakh.
Lo stile di Brahem viene spesso paragonato a quello di Rabih Abou-Khalil, anche se le sue composizioni tendono ad essere più delicate ed eteree. La formazione che preferisce è il trio o il quartetto.

Collaborazioni

Nella sua carriera, Brahem ha collaborato con molti musicisti, tra cui Dave Holland e John Surman (nell'album Thimar), Richard Galliano, Jan Garbarek, il percussionista tunisino Lassad Hosni, il violinista Bechir Selmi e il clarinettista turco Barbaros Erköse. Sempre presso la ECM ha registrato due CD con François Couturier al piano e Jean-Louis Matinier all'accordion: nel 2001 Le pas du chat noir e nel 2005 Le voyage de Sahar.

Modifica questa wiki

Non vuoi vedere annunci? Abbonati ora

API Calls