Laddar spelare ...

Avvisa

As your browser speaks English, would you like to change your language to English? Or see other languages.

We’re currently migrating data (including scrobbles) to our new site and to minimise data disruption, we’ve temporarily suspended some functionality. Rest assured, we’re re-activating features one-by-one as soon as each data migration completes. Keep an eye on progress here.

Maj 19

Stoned Hand Of Doom - chapter 7

Datum

Lördag 19 maj 2012

Plats

INIT
Via della Stazione Tuscolana 133, Roma, 00182, Italy

Tel.: +39 06 97277724

Webb:

Visa på kartan

http://www.facebook.com/events/242995872455677/

Beskrivning

WALL OF MUSIC e KICK AGENCY
in collaborazione con GARBAGE DUMP AGENCY e PERKELE.IT

presentano

STONED HAND OF DOOM Chapter 7
Italian Doom and Heavy Psych Fest – A.D. 2012
Sabato 19 maggio – Roma, Init Club
Via della Stazione Tuscolana, 133

Dopo un anno di silenzio e meditazione lisergica, torna il primo, vero festival italiano dedicato al doom e alla psichedelia heavy. Per la settima edizione, lo STONED HAND OF DOOM proporrà in una sola giornata il meglio dell’oscurità liquida fatta musica.

Headliner della settima edizione, i fantastici ORANGE GOBLIN da Londra!

A completare il bill del festival, la crema della scena acid stoner doom italiana:
DOOMRAISER
L’IMPERO DELLE OMBRE
EL-THULE
GANDHI’S GUNN
FUNERAL MARMOORI
BLACK CAPRICORN
CARONTE
THE WISDOOM

Apertura porte: 16.00 – Inizio concerti: 16.30
Ingresso: €20
Info & biglietti: wallofmusic@hotmail.it
Accrediti: ultramagneticglow@gmail.com
Link utili:
SHOD: www.facebook.com/stonedhandofdoom
SHOD evento Facebook: www.facebook.com/events/242995872455677/
Init Club: www.initroma.it
Kick Agency: www.kickagency.com

In occasione del come back ufficiale, lo SHOD si ripresenta con un headliner bomba: da Londra, gli ORANGE GOBLIN! Forti del nuovo lavoro A Eulogy for the Damned, settimo disco dai tempi dell’esordio Frequencies from Planet Ten. Sette, come gli anni del festival. Per Ben Ward e soci è un atteso ritorno, perché gli Orange Goblin sono da sempre crocevia di stili ed influenze, per tutti gli amanti di classico e moderno. Nel loro sound confluiscono Black Sabbath e Motörhead, Thin Lizzy e Celtic Frost, Lynyrd Skynyrd e Black Flag. Ward, Martyn Millard (basso), Joe Hoare (chitarra) e Chris Turner (batteria) promettono uno show incendiario, figlioccio bastardo delle sonorità che in A Eulogy for the Damned hanno trovato nuova linfa vitale. Il materiale recente rimette in gioco il groove assassino di Time Travelling Blues e l’approccio psycho punk di The Big Black, i riff metal'n'roll di Thieving from the House of God ed il classicismo cromato, spettrale e dannatamente stoner di Healing Through Fire. Are you ready for the party? Hail the mighty Goblin!
Web: www.orange-goblin.com

Fangoso, tentacolare, soffocante psycho doom. È questo il sound dei DOOMRAISER, giunto con Mountains of Madness al traguardo del terzo disco. Mai la musica del destino è stata così oscura, nera, possente. Un sound pesante e ossessivo, fluido ed obliquo. Riff mammut, drumming preciso e tribale, linee di basso mastodonitche, vocals avvolgenti. L’invocazione acida può cominciare.
Web: www.facebook.com/doomraiser

Paladini del dark doom e signori dell’occulto, lo SHOD sarà occasione per assaporare le meraviglie dell’IMPERO DELLE OMBRE. Autori di un cemetery rock che unisce il dark prog dei 70 con il metal cinereo dei vari Angel Witch, Witchfinder General e Candlemass, i cinque sono la colonna sonora perfetta di un film horror gotico. I compagni di Baal è qui a dimostrarlo.
Web: www.reverbnation.com/limperodelleombre

Da Bergamo arrivano i drug rockers EL-THULE: il loro è uno stoned Seventies rock'n'roll filtrato da approcci punk, sensazioni desertiche ed ipnosi psichedeliche. Zenit è il terzo album, concept basato sull’universo cantato interamente in italiano. Per riscoprire l’essenza dell’unione tra mondo, uomo e vita.
Web: www.elthule.blogspot.com

Stoner, stoner e ancora stoner con i GANDHI’S GUNN. Balzati agli onori della stampa e degli ascoltatori con il massiccio esordio Thirtyeahs, la band genovese si distingue per un sound granitico, ispirato dalle ruvide sonorità della prima ondata stoner americana, rievocando e attualizzando lo stile dei vari Corrosion of Conformity, Clutch, Fu Manchu, e aprendosi a territori più visionari e psichedelici.
Web: www.facebook.com/gandhisgunn

Heavy progressive doom da Firenze, i FUNERAL MARMOORI sono fieri esponenti della marcia e paludosa Toscana doom. Il primo album Vol. 1 per BloodRock Records suona come Lorenzo Lamas in sella ad una moto infernale nel giardino del doom!
Web: www.soundcloud.com/funeral-marmoori

Dalla Sardegna, i BLACK CAPRICORN nascono come power trio e con l’aiuto di M. Toro, Claudio the riff master e Lord Fex trovano l’amalgama finale per celebrare un rito alla fertilità acida dello stoner doom. Un mucchio selvaggio di streghe e profeti dannati in attesa di un’apocalisse heavy & satanicus.
Web: www.blackcapricorn666.blogspot.com

I CARONTE giungono da Parma e offrono un doom acido ed etereo. I loro testi trattano di esoterismo e occultismo e sono profondamente ispirati all’opera di Aleister Crowley. Amen!
Web: www.facebook.com/ferociailluminata

Da Roma, la new sensation della Città Eterna: THE WISDOOM. Una vera e propria macchina da guerra, quattro giovani musicisti che propongono uno stoner doom dalle forti tinte noise e psichedeliche. L’uomo-lupo salverà il mondo!
Web: www.facebook.com/thewisdoom

Spelschema

API Calls