Laddar spelare ...

Avvisa

As your browser speaks English, would you like to change your language to English? Or see other languages.

We’re currently migrating data (including scrobbles) to our new site and to minimise data disruption, we’ve temporarily suspended some functionality. Rest assured, we’re re-activating features one-by-one as soon as each data migration completes. Keep an eye on progress here.

Jul 13

The Song Book Tour

Datum

Tisdag 13 juli 201021:00

Plats

Villa Reale
Viale Brianza, 1, Monza, 20052, Italy

Tel.: +39-039-322086

Visa på kartan

Beskrivning

Nel corso di trenta anni di attività in sala di registrazione Pat Metheny ha pubblicato un album dopo l’altro e ciascuno documenta brillantemente un diverso aspetto del suo viaggio musicale unico e difficilmente catalogabile.
Metheny ha praticamente considerato ogni possibilità di fare musica che si potesse offrire a un musicista del ventunesimo secolo.
Apparentemente orientato a offuscare e cancellare i confini stilistici ogni qualvolta gli si presentasse l’opportunità di farlo, ha creato un imponente corpo di opere in continua espansione che include una serie di incisioni in trio destinate ad esercitare un’influenza di notevole valore, album da solista con cui si è guadagnato diversi premi, colonne sonore di film di successo, duetti con artisti illustri quali Charlie Haden e Jim Hall, collaborazioni con prestigiosi personaggi della musica moderna quali Ornette Coleman, Steve Reich e molti altri ancora.
Ma per le moltitudini di fan di tutto il mondo non c’è miglior scenario per cogliere e definire il musicista Metheny di quello che lo vede nel ruolo di leader di una delle band più acclamate ed influenti degli ultimi trenta anni, il Pat Metheny Group.
Unica band nella storia ad aver vinto sette Grammy consecutivi per sette uscite consecutive, il Pat Metheny Group occupa un territorio musicale suo proprio, accessibile a ogni tipo di ascoltatore, che unisce elementi provenienti dal patrimonio musicale dell’umanità fondendoli in uno stile inconfondibile.
Nato nel 1977, il PMG ha viaggiato instancabilmente per tutto il mondo tenendo concerti che hanno fatto il tutto esaurito, esibendosi in festival e club in più di quaranta paesi e divenendo una delle band più attive e popolari presenti sulla scena.
Ogni nuovo album e tour son attesi con appassionata aspettativa dai fans perché il PMG è una band con una creatività irrefrenabile che ha saputo costantemente sorprenderli e dilettarli con l’inatteso, pur mantenendo la promessa di immaginazione e pura melodia presente già dal primo album.
Dopo cinque anni dall’ultimo tour torna il Pat Metheny Group e lo fa nella formazione a quattro elementi. Un vero ritorno alla origini. Era il 1978 quando Metheny, assieme al pianista e tastierista Lyle Mays, al bassista Mark Egan e al batterista Dan Gottlieb, danno vita al Pat Metheny Group pubblicando il primo album del gruppo (Pat Metheny Group, ECM), definito dallo stesso Metheny il suo primo lavoro da band leader.
Dopo quell’album ne vengono altri tredici nei quali alla formazione originaria subentra un organico via via più allargato, fino a sette musicisti; una piccola orchestra che viene mantenuta fino all’album del 2005 The Way Up (Nonesuch), opera da molti ritenuta, dal punto di vista formale, il progetto più ambizioso del duo di compositori Metheny-Mays.
Chiuso con “The Way Up” il cerchio della ricerca formale, Pat Metheny, assieme a Lyle Mays, al bassista Steve Rodby e al batterista Antonio Sanchez ripartono alla ricerca della freschezza e della spontaneità degli inizi ma lo fanno con un immenso patrimonio di composizioni ormai storiche alle spalle, tutte o quasi tutte raccolte in quel grosso volume in cui Metheny e Mays hanno voluto mettere per iscritto le musiche nate in 32 anni di collaborazione: “The Song Book”.

Recensione di Cristian Pedrazzini

Spelschema

API Calls