Passa al
video di YouTube

Caricamento del lettore...

Elimina

As your browser speaks English, would you like to change your language to English? Or see other languages.

Wiki

Led Zeppelin II è il secondo album in studio dei Led Zeppelin, pubblicato nel 1969.

il gruppo ebbe l'occasione, come per Led Zeppelin, di riscoprire e rielaborare riff presi da brani dei bluesmen Willie Dixon e Howlin' Wolf. La critica trovò terreno fertile per accusarli di plagio e infatti i Led Zeppelin dovettero affrontare varie cause in tribunale. Ma la forza dirompente dell'album, forse il più duro e aggressivo del gruppo, trainata dalla celebre Whole Lotta Love , andò oltre le accuse della critica: in poco tempo Led Zeppelin II divenne un album leggendario, decretando definitivamente la nascita dell'hard rock.
Il disco si apre in maniera travolgente con Whole Lotta Love, una delle grandi canzoni della storia del rock, con l'inconfondibile riff di Jimmy Page. La canzone ha un complesso intermezzo strumentale (che ricorda le sonorità dei primi Pink Floyd) in cui Robert Plant imita un orgasmo; d'altronde, il testo di Whole Lotta Love è pieno di allusioni sessuali. What Is and What Should Never Be è un pacifico blues, che segue la più scabrosa The Lemon Song (il limone è un' allusione all'organo genitale maschile), rielaborazione rock di Killin' Floor di Howlin' Wolf. Nel bel mezzo di un disco hard rock c'è posto anche per la delicatissima Thank You, ballata permeata dalle tastiere di John Paul Jones e dedicata da Robert Plant alla moglie. Heartbreaker invece riporta il disco sui canoni heavy: è un altro brano leggendario, con un altro celebre riff e un ispirato assolo di Page (Eddie Van Halen, chitarrista dei Van Halen, ha creato la sua inconfondibile tecnica chitarristica cercando invano di imitare questo assolo). Segue l'altrettanto travolgente Livin' Lovin' Maid (She's Just a Woman). Ramble On (ennesima pietra miliare del rock) è d'ispirazione tolkieniana, mentre in Moby Dick il batterista John Bonham esegue un lunghissimo, stupefacente assolo che in concerto veniva dilitato a dismisura, quasi per mezz'ora. Il disco si chiude con l'accativante blues di Bring It on Home.

Tracce

Whole Lotta Love - 5:34
What Is and What Should Never Be - 4:44
The Lemon Song - 6:19
Thank You - 4:47
Heartbreaker - 4:14
Living Loving Maid (She's Just a Woman) - 2:39
Ramble On - 4:23
Moby Dick - 4:21
Bring It on Home - 4:20

Modifica questa wiki

API Calls