Caricamento del lettore...

Elimina

As your browser speaks English, would you like to change your language to English? Or see other languages.

We’re currently migrating data (including scrobbles) to our new site and to minimise data disruption, we’ve temporarily suspended some functionality. Rest assured, we’re re-activating features one-by-one as soon as each data migration completes. Keep an eye on progress here.

I Godspeed You! Black Emperor (precedentemente chiamati Godspeed You Black Emperor! e spesso abbreviati in GYBE! o GY!BE) sono un gruppo canadese, originario di Montreal, solitamente etichettato come post-rock. Nonostante tale etichetta, la band tuttavia non rientra in alcun genere circoscritto poiché ha creato uno stile proprio, derivato da una moltitudine di diversi generi musicali quali progressive rock, punk, musica classica e avanguardia. Il nome deriva da God Speed You! Black Emperor (ゴッド・スピード・ユー! BLACK EMPEROR), un oscuro documentario giapponese in bianco e nero del 1976 diretto da Mitsuo Yanagimachi che tratta la vita di una biker gang Giapponese, i Black Emperors.

Il nucleo originario risale al 1994 ed era costituito da Efrim Menuck, Mike Moya e Mauro Pezzente. Da allora la formazione è stata oggetto di frequenti cambiamenti e lo stesso Moya ha abbandonato nel 1998 per formare gli Hrsta. Dal 1997 circa, dopo avere raggiunto il considerevole numero di quindici, i componenti sono di solito nove.

Gli strumenti musicali impiegati differiscono in base alla formazione, ma sono costantemente presenti la chitarra elettrica, il basso elettrico, vari strumenti a corda e vari strumenti a percussione. Diversamente la presenza di strumenti come il glockenspiel e il corno è più sporadica.
I brani di solito hanno durata oscillante fra i 10 ed i 25 minuti e talvolta sono divisi in "movimenti", come se si trattasse di sinfonie. Sono solitamente interamente strumentali, ma in alcuni casi sono accompagnati da monologhi recitati (The Dead Flag Blues), monologhi sotto forma di intervista con Blaise Bailey Finnegan III (Providence, BBF3), un annuncio in una stazione di servizio, un gruppo di bambini che parlano e cantano in francese, così come parecchie registrazioni effettuate da radio ad onde corte. La formazione è stata sempre parecchio riluttante a rilasciare interviste ed ai media in generale. Questo ha creato un alone di mistero che probabilmente ha contribuito al successo. Il membro del gruppo che ha maggiormente interagito con la stampa è Efrim Menuck, spesso considerato il front-man. Tale etichetta è stata da lui fortemente ripudiata. Nelle interviste rilasciate il gruppo ha spesso espresso il proprio disgusto per l'ambiente della musica, in particolare le grande catene di negozi e le grandi case discografiche. Critiche in merito sono contenute anche nell'artwork di Yanqui U.X.O.. Altro tema delle loro interviste, ed anche della loro musica, è la politica. Per esempio, in Yanqui U.X.O. la canzone "09-15-00" è definita " Ariel Sharon circondato da mille soldati Israeliani in marcia su Haram Ash-Sharif per provocare un'altra Intifada". Il monologo di BBF3 è una lunga invettiva contro il governo degli Stati Uniti Sebbene i vari membri del gruppo siano stati spesso definiti anarchici, Efrim ha chiarito che nessuno di loro lo è. Nell'intervista egli comunque si riferiva ai Thee Silver Mt. Zion, progetto parallelo di alcuni componenti del gruppo.

Dal 2003 al 2010 la band è stata ufficialmente in pausa ed alcuni dei suoi componenti oltre ad aver costituito i Thee Silver Mt. Zion sono confluiti nei Set Fire To Flames, nei Molasses.
In seguito ad un'intervista di Efrim[ sono sorte speculazioni che la band si sia definitivamente sciolta. Nella stessa egli cita la Guerra d'Iraq come causa principale della decisione di prendere una pausa. Successivamente lo stesso Efrim ha smentito lo scioglimento definitivo.
Nell'Aprile 2010, tramite un nuovo sito, la band ha ufficializzato il ritorno all'attività in occasione del festival britannico All Tomorrow's Parties e di successive date in Inghilterra, Europa e in nove città degli Stati Uniti. È stato anche annunciato il ritorno di Mike Moya e che la band non rilascerà interviste.

In evidenza

API Calls