Caricamento del lettore...

Elimina

As your browser speaks English, would you like to change your language to English? Or see other languages.

We’re currently migrating data (including scrobbles) to our new site and to minimise data disruption, we’ve temporarily suspended some functionality. Rest assured, we’re re-activating features one-by-one as soon as each data migration completes. Keep an eye on progress here.

'''Aram Ilic Khačaturjan''' (in armeno]]: Արամ Խաչատրյան, ''Aram Xačatryan'' (Tbilisi 6 giugno 1903 - Mosca (URSS) 1 maggio 1978 è stato un compositore, pianista e didatta armeno.

Studiò a Mosca violoncello e composizione, affermandosi in breve come uno dei principali compositori sovietici della sua generazione.

Insegnante dal 1951 al Conservatorio di Mosca, organizzatore e animatore della vita musicale, ottenne dallo Stato sovietico i più alti riconoscimenti, come il premio Lenin e il premio Stalin.

La musica di Khačaturjan, appassionata, spesso illustrativa, esprime appieno la poetica del realismo socialista inteso nell'accezione meno problematica.

L'urgenza comunicativa dell'autore si esprime attraverso una sintassi spontanea, immediata, ottimistica, lontana dalla sensibilità di un Dmitrij Dmitrievič Šostakovič, suo contemporaneo, ma dalle prospettive culturali e filosofiche più ampie e complesse.

Khačaturjan spesso fa uso di stilemi folcloristici inseriti in un tessuto post-romantico, impreziosito dalle moderne conquiste in campo timbrico e orchestrale, fedele ad uno stretto tonalismo, e che si articola secondo schemi classici liberamente ricreati.

L'estetica di Khačaturjan si può avvicinare a quella di Dmitrij Borisovič Kabalevskij, altro autore che appartiene al periodo della crisi del linguaggio dei compositori sovietici; la sua opera in complesso rimane sempre godibilissima, ricca di idee e impulsi vitali.

In evidenza

API Calls